Istituto case popolari, precari in fermento: "Vogliamo la stabilizzazione"

Assemblea dei lavoratori convocata ieri, presente il sindacato Confael, che ora chiede l'intervento della Regione

La sede dello Iacp

Precari dello Iacp di Agrigento in fibrillazione. I lavoratori, stando a quanto racconta l'edizione odierna del Giornale di Sicilia, si sono riuniti in assemblea per discutere sullo stato di "grave confusione gestionale" in cui verserebbe l'Istituto. Presente, il segretario provinciale del sindacato Confael, Manlio Cardella.

Confael: "Anche lo Iacp va trattato con rispetto"

"Dopo l'apertura di un apposito tavolo tecnico tra l'amministrazione dell'Iacp e le organizzazioni sindacali - spiega Cardella sul quotidiano palermitano - sembrava certa la stabilizzazione di 22 precari di categoria C e D nonchè la ricontrattualizzazione full time del personale già stabilizzato nel 2012 a 24 ore. Pur nel conforto della normativa vigente i lavoratori precari, però vedono l'approssimarsi dell'eventualità anche del loro licenziamento. Questi dipendenti non possono lavorare con il capestro della integrazione oraria, hanno bisogno di certezze, vanno assunti a 36 ore settimanali poiché - continua il segretario della Confael - slittando ancora in avanti la stabilizzazione, l'entrata in vigore della quota 100 causerà gravi carenze d'organico di cui ne risentiranno pesantemente tutti i settori di attività dell'Iacp".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Si taglia una gamba e muore dissanguato: tragedia a Palma di Montechiaro

  • Tragedia a San Leone: muore un turista svizzero di 35 anni

  • L'incidente lungo la strada per la Scala dei Turchi: 59enne muore dopo quasi un mese d'agonia

  • Totano gigante si arena sulla spiaggia: curiosità e incredulità a Punta Grande

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento