Vittima di mafia, ministero condannato al risarcimento da 800 mila euro

Ad una famiglia di Grotte è stato riconosciuto il diritto ad essere risarciti per l'omicidio del proprio congiunto

(foto ARCHIVIO)

Il tribunale di Palermo ha condannato il Fondo per le vittime della mafia e dunque il ministero dell'Interno. Ad una famiglia di Grotte è stato riconosciuto il diritto ad essere risarciti - con 800 mila euro - per l'omicidio del proprio congiunto. Lo riporta oggi il quotidiano La Sicilia. Era il 1999 quando il tribunale di Agrigento condannò i due autori del delitto al pagamento di 200 mila euro a ciascun componente della famiglia che aveva perso il proprio caro. In tutto, 800 mila euro appunto.

Il Fondo per le vittime della mafia però si oppose e i familiari si sono, pertanto, rivolti al tribunale civile di Palermo. Tribunale che ha condannato il Fondo. Resta, naturalmente, da capire se il ministero, adesso, farà o meno ricorso. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tangenti all'Agenzia delle Entrate, la difesa: "Intercettazioni inutilizzabili"

  • Cronaca

    In trasferta per rubare al market, sei condanne per direttissima

  • Cronaca

    Droga, operazione "Fast food": due giovani tornano in libertà

  • Cronaca

    Che accoglienza per Vienna Cammarota, la 68enne: "Triste vedere delle aziende chiuse"

I più letti della settimana

  • Sesso orale in pieno centro città, un anziano ed una donna filmati da alcuni passanti

  • Statale 115, scontro fra due auto: 5 feriti, illeso un bambino di un anno

  • Commerciante preso a sprangate per una rapina, il colpo fallisce: il giovane in ospedale

  • Auto si ribalta e finisce fuori strada, in ospedale il conducente

  • "Relazione non accettata", incontro fra famiglie finisce in rissa: 3 persone in ospedale

  • Calci alle porte e barelle per aria, 38enne in escandescenze: caos al pronto soccorso

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento