Vittima di mafia, ministero condannato al risarcimento da 800 mila euro

Ad una famiglia di Grotte è stato riconosciuto il diritto ad essere risarciti per l'omicidio del proprio congiunto

(foto ARCHIVIO)

Il tribunale di Palermo ha condannato il Fondo per le vittime della mafia e dunque il ministero dell'Interno. Ad una famiglia di Grotte è stato riconosciuto il diritto ad essere risarciti - con 800 mila euro - per l'omicidio del proprio congiunto. Lo riporta oggi il quotidiano La Sicilia. Era il 1999 quando il tribunale di Agrigento condannò i due autori del delitto al pagamento di 200 mila euro a ciascun componente della famiglia che aveva perso il proprio caro. In tutto, 800 mila euro appunto.

Il Fondo per le vittime della mafia però si oppose e i familiari si sono, pertanto, rivolti al tribunale civile di Palermo. Tribunale che ha condannato il Fondo. Resta, naturalmente, da capire se il ministero, adesso, farà o meno ricorso. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      "Nessun abuso di ufficio nella costruzione di un palazzo", sette assoluzioni

    • Incidenti stradali

      Scontro fra un Suv ed una motocicletta, diciottenne in ospedale

    • Cronaca

      Reclamano il regolare pagamento degli stipendi, volantinaggio degli impiegati davanti al Comune

    • Cronaca

      La Procura continua a svuotarsi: Macaluso lascia l'ufficio, terzo trasferimento in poche settimane

    I più letti della settimana

    • Statale 189, scontro fra autovetture: sei feriti, due sono rimasti incastrati fra le lamiere

    • E' il piromane seriale? Incastrato dalle telecamere, 43enne finisce nei guai

    • Eleonora Berlusconi a Siculiana Marina, piatti tipici per la figlia dell'ex premier

    • La nuova vita di Clizia Incorvaia, la show girl empedoclina: "Donne non chiudetevi in voi stesse"

    • Aggredito e picchiato, studente finisce in ospedale: denunciato 24enne

    • "Trasportava mezzo chilo di droga", arrestato corriere ventenne

    Torna su
    AgrigentoNotizie è in caricamento