Il manifesto contro l'aborto rimosso a Roma "rispunta" nell'Agrigentino

Il volantino ritrae un feto a undici settimane, affisso a spese di un operatore culturale di Grotte

E’ riapparso a Grotte il manifesto "pro vita", che il 4 aprile scorso, in meno di 24 ore, il sindaco di Roma Virginia Raggi, aveva fatto rimuovere dal muro del palazzo di via Gregorio VII a Roma dove regolarmente l’associazione ProVita aveva affisso un maxi manifesto di sette metri per undici a 40 anni dalla legge sull'aborto, riportante l’immagine di una vita a 11 settimane nel grembo materno.

A farlo riapparire nella piccola cittadina della provincia di Agrigento, è stato il giovane poeta e noto operatore culturale grottese Gero Miceli, che ha voluto dare invece visibilità alla campagna pro-life.

"Oggi - scrive sul suo profilo facebook - con fierezza il manifesto censurato a Roma è riapparso a Grotte, in difesa della vita e della libertà di pensiero e di espressione. Ho voluto dare un segnale piccolo ma allo stesso tempo forte, in risposta alla decisione oscurantista della Cirinnà e dell'Amministrazione comunale romana. I manifesti sono stati stampati e affissi regolarmente a mie spese perché da cittadino ho sentito necessario dare un contributo in opposizione alla censura di Roma".

Potrebbe interessarti

  • Tre metodi a confronto per pulire il condotto uditivo

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Il caffè è buono e fa bene

  • La parete verde: come organizzare il giardino verticale in casa

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • "Sequestro di persona e abuso d'ufficio", Legambiente Sicilia denuncia Salvini

  • Chef Rubio choc su Instagram: "Lampedusa? Bella, ma è anche l'isola della cocaina e mafia"

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

  • Chiesa agrigentina, ecco tutti i nuovi parroci nominati dal cardinale

  • Blitz dei carabinieri in Caf e patronati: trovati dei lavoratori in nero

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento