Gestione servizio idrico, il direttivo Ati punta sulla Spa a capitale pubblico

La scelta dovrà adesso passare al vaglio dell'assemblea e dei singoli consigli comunali: la strada è quindi molto lunga

(foto ARCHIVIO)

La decisione non è definitiva, ma è l'inizio di un percorso: il direttivo dell'Ati dopo lunghe tribolazioni si è infatti determinato scegliendo come forma di gestione del servizio idrico futuro la Spa a capitale pubblico.

Il Coordinamento Titano va all'attacco: "Il direttivo si dimetta se non vuole affrontare i problemi"

A chiedere, invece, la gestione attrverso un'azienda consortile speciale pubblica erano stati alcuni componenti dello stesso direttivo (che infatti non ha visto un voto univoco) e soprattutto le associazioni per l'acqua pubblica che da tempo sostengono questo percorso indicandolo come l'unico capace di garantire una piena pubblicità del servizio.

Servizio idrico, i sindacati chiedono garanzie sul personale a rischio esubero

Adesso la proposta dovrà passare al vaglio dell'Assemblea e poi dal voto dei singoli consigli comunali, con tempi quindi di effettiva realizzazione complessiva estremamente lunghi, nell'ordine di diversi mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • A Milano con la paura addosso, Daniele: "Coronavirus? Ho un consiglio per i miei concittadini"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento