Dipendenti di Girgenti acque, botta e risposta tra società e M5s

Girgenti acque ha "aperto" al M5s offrendo la possibilità di un incontro per approfondire dettagli sul servizio, sul personale e sull'organico, sul parco auto, sulla società controllata Hydortecne, sui servizi internalizzati, sui costi, sulla gestione del servizio di depurazione. Per Mangiacavallo prima verranno forniti gli elenchi del persoale assunto prima si farà l'incontro

La Girgenti Acque S.p.A. in una nota ha affermato la volontà di «dare la propria assoluta ed incondizionata disponibilità all' On. Mangiacavallo, al senatore Giarrusso, al Movimento 5 stelle, e a tutti coloro ne avessero titolo a fornire ogni dato, ogni informazione, ogni notizia sul servizio gestito. Ciò al fine di evitare che vengano diffuse notizie ed informazioni non corrette che creano dubbi e destano preoccupazioni agli utenti ed anche ai lavoratori che prestano con abnegazione e spirito di sacrificio il loro servizio agli utenti stessi specialmente in questo periodo estivo di massima difficoltà».

Con l'obiettivo di rendere trasparente il proprio operato, si legge ancora nella nota, «nell'interesse primario del soddisfacimento delle esigenze degli utenti, volendo evitare sterili polemiche la Girgenti Acque S.p.A. invita l'On. Mangiacavallo, il  Senatore Giarrusso ed i rappresentanti del Movimento 5 Stelle di Agrigento e della provincia presso la propria sede per un incontro formale dove potranno essere forniti tutti i chiarimenti necessari e dove potranno essere approfonditi tutti gli argomenti. La Girgenti Acque S.p.A. fornirà tutti i dettagli sul servizio, sul personale e sull'organico, sul parco auto, sulla società controllata Hydortecne, sui servizi internalizzati, sui costi, sulla gestione del servizio di depurazione e su ogni altro argomento che si vorrà approfondire. Fa appello al senso di responsabilità di tutti coloro che rivestono ruoli politici ed istituzionali allo spirito di collaborazione per la risoluzione dei problemi dei cittadini utenti».
 
Immediata la replica dello stesso deputato regionale Matteo Mangiacavallo: «Vogliono incontrarci? Prima rispettino i cittadini e ci forniscano l'elenco del personale che avevamo richiesto».
 
Così è intervenuto il deputato all’Ars del Movimento 5 Stelle in merito alla nota diffusa dalla Girgenti Acque Spa, in risposta alle azioni parlamentari, regionali e nazionali, del M5S contro la gestione privatizzata dell'acqua in provincia di Agrigento.
 
«Prendo atto della formale disponibilità della Girgenti Acque ad incontrare me e il Senatore Mario Giarrusso – commenta Mangiacavallo – per fornirci dati e informazioni sul servizio idrico gestito, al fine di evitare la diffusione, da parte nostra, di notizie fuorvianti e preoccupanti ma tengo a precisare che quanto da noi documentato, attraverso atti parlamentari, non risponde a "dicerie di paese" ma sono inadempienze e disservizi testimoniati da fatti - dice il grillino -.  Se la Girgenti Acque intende riqualificare la propria immagine di fronte ai cittadini – continua il deputato regionale del M5S – sospenda, tanto per cominciare, immediatamente, la pratica barbara e incivile dei distacchi delle utenze e la smetta di far pagare, in maniera indiscriminata, i canoni di depurazione e fognatura anche nelle zone non servite e dove tali servizi sono fatiscenti, a dispetto di quanto falsamente dichiarato attraverso un precedente comunicato stampa. Se poi vuole fare la cosa ancora più giusta – conclude - ci fornisca quel famoso elenco del personale, misterioso quanto il "segreto di Pulcinella", che continua a negarci. Stia tranquilla che successivamente sia io che il senatore Giarrusso saremo altrettanto disponibili ad incontrarli».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: due feriti in ospedale

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • "Il direttore mi convocava e mi chiedeva se mio marito era sessualmente all'altezza", racconto choc in aula

  • "Testate all'ex fidanzata per farla abortire", ventunenne rinviato a giudizio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento