L'Ati a caccia di risorse idriche, ma "i Comuni 'ribelli' non collaborano"

La relazione realizzata dall'assemblea territoriale mirava a conoscere esattamente la quantità d'acqua presente in provincia

(foto ARCHIVIO)

"Ad eccezione della concreta collaborazione di pochi comuni, non si è potuto riscontrare in altri una fattiva compartecipazione finalizzata alla realizzazione di detto progetto”. L'assemblea territoriale idrica non usa mezzi termini nel criticare l'operato dei cosiddetti Comuni "ribelli", che, sebbene più volte contattati ufficialmente, non hanno in larga parte mai fornito la portata, la profondità e gli altri aspetti tecnici  delle fonti presenti sui loro territori.

Gestione del servizio idrico, entro il 15 marzo via alle prime diffide per i "ribelli"?

L'Ati aveva avviato nei mesi scorsi un'attività di monitoraggio delle risorse idriche presenti sul territorio provinciale Comuni “non consegnatari”, tra l’altro, oltre a non avere autorizzazioni con lo scopo di cercare di "liberare" l'ambito dalla dipendenza totale da Sicilia Acque e Tre Sorgenti, puntando a valutare la sfruttabilità di sorgenti e pozzi già noti (e magari sottoutilizzati) o abbandonati. Una ricerca che ha portato anche ad alcuni risultati (come l'individuazione di almeno 150 litri secondo d'acqua recuperabili con alcuni investimenti a fronte di 250 necessari per svincolarsi dal sovrambito) ma che è stata l'occasione anche per levarsi qualche sassolino dalle scarpe.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Francesca Valenti: "Dentro l'Ati nessuna contrapposizione, si lavora per l'acqua pubblica"

L'Ati infatti farebbe presente che ad oggi i sindaci non consegnatari che autogestiscono l'acqua sarebbero sprovvisti delle autorizzazioni del Genio civile per l'uso delle sorgenti, non avrebbero installato i misuratori di portata sulle fonti (che consentirebbero di misurare quanto viene prelevato) e vi sarebbe anche un problema con i canoni di concessione che “non vengono regolarmente versati, tant’è che, in alcuni casi, viene attivata addirittura la riscossione coatta tramite Serit Sicilia”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • Bonus vacanze, servirà una "identità digitale" ... e in tanti devono ancora richiederla

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento