Fusione San Giovanni Gemini-Cammarata, c'è l'ok dei Consigli comunali

Ha inizio, in questo modo, il complesso iter amministrativo che condurrà al referendum consultivo

Uno scorcio di San Giovanni Gemini

I Consigli comunali di San Giovanni Gemini e Cammarata hanno approvato il progetto di fusione dei due Comuni. Come prevede la legge regionale 30 del 2000 (che per la prima volta si avvia ad essere applicata) ha inizio, in questo modo, il complesso iter amministrativo che condurrà al referendum consultivo.

"È un grande risultato - dice Nino Margagliotta, responsabile del Coordinamento intercomunale dalla fusione - per quanti lavorano da anni a questo ambizioso progetto, che un programma di speranza e di futuro per due piccole entità comunali che possono dare luogo al più grande comune del comprensorio dei Monti Sicani, anche se la portata di questa iniziativa va oltre l'ambito locale, dato che l'azione intrapresa a Cammarata e San Giovanni Gemini costituisce un importante segnale per l'avvio di una nuova governance in Sicilia".

Con questi due atti deliberativi Cammarata e San Giovanni Gemini - prosegue Margagliotta - "hanno compiuto una scelta storica e coraggiosa, che li porterà fra qualche mese alla convocazione del referendum e dare voce ai cittadini, alla cui volontà è affidata la decisione finale. Per quanto hanno sognato un futuro per questo territorio della Montagna, da questa sera il sogno è più vicino".

Dunque, la parola spetta adesso ai cittadini, che si dovranno pronunciare attraverso il referendum. Già in passato, vi è stato un tentativo di fusione, ne dà testimonianza un atto deliberativo del 1927 con il quale l’allora podestà Vincenzo Viola, rispondeva alla richiesta del prefetto sulla possibilità dell’unione. Ma a causa di accanite resistenze da parte di oppositori sia di Cammarata che di San Giovanni, l’unificazione non avvenne. La separazione del territorio di San Giovanni da quello di Cammarata fu voluta dal Conte Ercole Branciforti nel 1587, che con apposito documento delimitò i nuovi confini.

Potrebbe interessarti

  • Tre metodi a confronto per pulire il condotto uditivo

  • Come organizzare le pulizie al rientro dalle ferie estive

  • La parete verde: come organizzare il giardino verticale in casa

  • Il caffè è buono e fa bene

I più letti della settimana

  • Due colpi di pistola contro il balcone di casa di un disoccupato, aperta inchiesta

  • Chiesa agrigentina, ecco tutti i nuovi parroci nominati dal cardinale

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

  • Blitz dei carabinieri in Caf e patronati: trovati dei lavoratori in nero

  • Incidente: auto si ribalta lungo la strada per Joppolo, 13enne in gravi condizioni

  • Pistola in pugno rapinano l'ufficio postale, in fuga due criminali

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento