"Svaligiarono auto di ambulante della merce", chieste due condanne

Tre anni e quattro mesi di reclusione per Gianluca Infantino, 32 anni e due anni per Samuel Pio Donzì, 20 anni: la difesa solleva dubbi sui filmati

FOTO ARCHIVIO

Tre anni e quattro mesi di reclusione per Gianluca Infantino, 32 anni e due anni per Samuel Pio Donzì, 20 anni. Sono le richieste di condanna, formulate dal pubblico ministero Manuela Sajeva, per i due imputati accusati di avere razziato l'auto di un commerciante ambulante di origini senegalesi, che aveva posteggiato il mezzo con la merce al parcheggio pluripiano di via Empedocle.

Il negoziante, con regolare licenza, si è costituito parte civile, con l'assistenza dell'avvocato Leonardo Marino, nei confronti dei due imputati ripresi dalle telecamere del posteggio di via Empedocle dove furono rubati e ritrovati, settimane dopo, quasi per caso, nell'ambito di un’altra indagine, centinaia di paia di scarpe e altri oggetti. I difensori, gli avvocati Calogero Lo Giudice e Fabio Inglima Modica, hanno chiesto il giudizio abbreviato. La pena proposta (maggiore per Infantino per la lunga serie di precedenti penali), di conseguenza, è ridotta di un terzo.
Il furto, all’interno del parcheggio “Atenea Parking”, è stato commesso il 5 ottobre del 2018. L’uomo aveva lasciato, all'interno della propria Ford Escort, centinaia di capi di abbigliamento destinati alla vendita. In particolare: 225 paia di scarpe per donna, uomo e bambino; 40 paia di jeans per uomo e donna; dieci giubbotti di vario tipo e trenta magliette. Merce che avrebbe avuto un valore commerciale di 3.600 euro ed è stata sequestrata in casa di Infantino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La difesa, in particolare, l'avvocato Calogero Lo Giudice, si batte su un aspetto formale e si è appellata alla convenzione di Budapest, mettendo in risalto l'importanza "della validità scientifica della prova scaturente dalla video sorveglianza, si richiede che le immagini siano originali o conformi alle originali. In questo caso - è stato sostenuto - non c'è nulla di tutto ciò. Inoltre nessun accertamento biometrico informatico nè antropologico è stato fatto sul frame". L'11 settembre sarà emessa la sentenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • "Stavamo collocando le microspie e ci ha sparato addosso", racconto choc di tre tecnici in incognito

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Sono in arrivo forti temporali: diramata l'allerta meteo "gialla"

  • Scazzottata con tragedia in via Petrarca, 64enne si accascia al suolo e muore

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento