Furto al fondo "Robadao", Brandara: «Il nostro lavoro non si ferma»

Un furto è stato messo a segno nel fondo agricolo Robadao, confiscato alla mafia e gestito dalla cooperativa "Rosario Livatino - Libera terra", in contrada Gibbesi, a Naro. Rubati un trattore, altri mezzi agricoli, alcune arnie

Un furto è stato messo a segno nel fondo agricolo Robadao, confiscato alla mafia e gestito dalla cooperativa "Rosario Livatino - Libera terra", in contrada Gibbesi, a Naro.

Rubati un trattore, altri mezzi agricoli, alcune arnie complete. Lo rende noto Mariagrazia Brandara, presidente del Consorzio per la Legalità e lo sviluppo, che ha anche sporto denuncia ai carabinieri.

«Nessuno - dice - fermerà l'azione di ripristino della legalità che con sacrifici, fermezza, determinazione e buona volontà stiamo conducendo, ogni singola pietra di Robadao è frutto di un grande lavoro e ciò che è accaduto gela il sangue nelle vene».

«E' un furto che porta via solo oggetti - aggiunge - non intaccando la nostra convinzione che questa terra continuerà a rappresentare un grande esempio di riscatto della legalità sulla prevaricazione dei sodalizi criminali. Il nostro lavoro - afferma Brandara - continua, fianco a fianco con le forze dell'ordine, che, come hanno sempre fatto, con capacità e coraggio, siamo certi, assicureranno alla giustizia quegli sciacalli che vogliono lanciare un messaggio di intimidazione. Per questo - conclude - perseguiremo senza sconti e nelle opportune sedi, quanti si oppongono al ripristino delle situazioni di diritto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Mancata convalida dell'arresto di Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso della Procura

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

  • "Sono caduta dalle scale": ferite non compatibili col racconto, avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento