Santo Stefano dice addio a Stellina e Angelo con un lungo applauso

Il vescovo emerito: "Il piccolo è ora in Paradiso e da vero angelo vorrà lenire il dolore lancinante di papà, nonni, zii, familiari. Con affetto e preghiera sosteniamo la bimba ferita"

(foto Alessandro Martorana)

Stellina e Angelo sono stati, virtualmente, abbracciati - dall'intera comunità di Santo Stefano Quisquina - con lungo, ripetuto, scrosciante applauso. L'addio alle due vittime dell'incidente stradale di contrada Contuberna è stato straziante. La chiesa Madre - questo pomeriggio - era stracolma, in ogni ordine e grado di posti. A centinaia e centinaia le persone che sono rimasti fuori, nel piazzale ad attendere e a pregare.  

"L'incidente di lunedì ci ha conturba, ci ammutolisce. Il piccolo Angelo è ora in Paradiso e da vero angelo vorrà lenire il dolore che è da noi sentitamente condiviso, un dolore lancinante per papà, nonni, zii, familiari - ha detto, durante l'omelia, il vescovo emerito di Patti, oggi in pensione, Ignazio Zambito - . La comunità Stefanese con affetto e preghiera sostiene la piccola bambina ferita e tutti i familiari".

Il vescovo emerito di Patti, di origini di Santo Stefano Quisquina, ha poi richiamato, e a gran voce, tutti "alla prudenza": "Dobbiamo mettere in atto la prudenza, la virtù della prudenza che non è una spinta a non fare niente, ma è una spinta ad agire con oculatezza, valutando, vegliando, tenendo in conto che, di solito, certo è che io mi muovo, ma mi muovo in mezzo ad altri che dovrebbero sempre essere prudenti più di me e meglio di me, ma non è sicuro che lo sia".

IL VIDEO. L'arcivescovo emerito: "L'incidente ci conturba e ci ammutolisce"

A concelebrare la funzione anche l'arciprete di Santo Stefano Quisquina: padre Antonino Massaro, don Antonino Catanzaro e monsignor Giuseppe Carbone.  

Per Santo Stefano Quisquina, oggi, è stato - su disposizione del sindaco Francesco Cacciatore - lutto cittadino. L'arciprete ha ringraziato, durante l'omelia, la sensibilità dei candidati alle prossime amministrative che hanno interrotto la campagna elettorale per il rinnovo dell'amministrazione e i responsabili della festa di Santa Rosalia che hanno annullato i festeggiamenti già programmati per questa domenica.

Straziante l'uscita dei feretri dalla chiesa Madre e la partenza verso il campo santo. E ancora una volta, gli Stefanesi hanno abbracciato Stellina e Angelo - sul cui carro funebre sono stati sistemati due palloncini bianchi - con un accorato applauso.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento