Funerali negati al boss, l'avvocato di Terrasi: "Provvedimento illegittimo"

Il legale parla a titolo personale: "In nessuna delle sentenze Akragas e Minoa è mai stato considerato a capo dell'organizzazione mafiosa"

Domenico Terrasi

"Inopportuno e illegittimo nei presupposti". A ritenere tale il divieto di funerali in chiesa per Domenico Terrasi, esponente di spicco di Cosa Nostra Agrigentina, divieto imposto dal questore di Agrigento è l'avvocato Ignazio Martorana che parla a titolo personale e "non per conto dei familiari di Terrasi il cui dolore e la cui vita privata vanno in questo momento rispettati" - riporta oggi il Giornale di Sicilia - .  

"Mi preme puntualizzare - aggiunge, sempre attraverso il Giornale di Sicilia, l'avvocato Martorana - che in nessuna delle sentenze (Akragas e Minoa) Terrasi è mai stato considerato a capo dell'organizzazione mafiosa; la misura di prevenzione gli era stata revocata già dal novembre del 2018 per cui per lo Stato non era più socialmente pericoloso. Né potevano, pertanto, sussistere i requisiti che legittimano il Questore a proibire i funerali pubblici per l'ordine e la sicurezza pubblica. Terrasi aveva pagato, forse anche ingiustamente per alcuni fatti, il suo debito con la giustizia: era a tutti gli effetti un uomo libero, anziano e ammalato. Non aveva avuto più contatti con soggetti sospettati di appartenere alla criminalità organizzata. Dal punto di vista religioso è vero che Papa Giovanni Paolo II aveva chiesto il pentimento in occasione della sua predica alla Valle dei Templi. Ma il pentimento è un fatto privato che riguarda la sfera intima di ognuno di noi. Personalmente vedevo Domenico Terrasi recarsi, unitamente alla moglie, spesso in chiesa ogni domenica e alle varie messe che si celebravano in paese".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scrive su Facebook l'avvocato Salvatore Pennica, difensore anche di mafiosi:. "Perché un cristiano condannato in Italia per mafia non può ricevere il rito funebre in chiesa? Ma non siamo uguali i figli di Dio di fronte la legge divina? Qual è la differenza con lo spacciatore di droga che, con una dose tagliata con la stricnina, può uccidere i nostri figli? Perché in provincia di Agrigento si sottolinea di negare i funerali a chi muore e si vedrà con Dio senza una chance di pietà. Poi questi dubbi si diradano perché la domenica il prelato legge la parabola del figliol prodigo e credi che serve umiltà, pietas, bla bla bla. Amen".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • Tornano a casa e la trovano occupata: scoppia il caos a Villaseta

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento