homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Tragedia Lampedusa, svolti i funerali di Stato ad Agrigento

Contestazioni civili e parole grosse, la commemorazione ha avuto come sottofondo i tanti perchè degli eritrei accorsi alla commemorazione. Nella giornata di oggi tra i tanti, erano presenti Angelino Alfano e Cecile Kyenge

"Dove sono i sopravvissuti?". E' questa la domanda che hanno rivolto una decina di eritrei alle cariche istituzionali presenti questo pomeriggio ai funerali di Stato per le oltre 300 vittime del naufragio avvenuto a Lampedusa lo scorso 3 ottobre. La cerimonia si è svolta al porticciolo di San Leone. Presenti tra gli altri il vice-premier Angelino Alfano, il ministro dell'Integrazione Cecile Kyenge e il ministro della Difesa Mario Mauro.

E' stata una cerimonia segnata dalle civili contestazioni e dai tanti perchè. Oggi ufficialmente era la giornata della commemorazione, ma per molti è stato un festival dell'ipocrisia. "Oggi - ha spiegato il ministro Kyenge - è importante perchè è la prima volta che con una cerimonia ufficiale si riconoscono vittime dell'immigrazione. Dal rito - ha aggiunto - venuto il messaggio forte di diverse confessioni insieme, che la pace e la non violenza prevalgono su qualunque cosa".

Alfano, contestato da diversi eritrei, ha affermato: "Abbiamo assicurato degna sepoltura ai morti e assistenza ai superstiti. Ora caccia senza quartiere agli scafisti". La cerimonia si è aperta con la lettura del Corano e con alcuni versetti del Vangelo. Gli eritrei, ma anche gli attivisti antigovernativi presenti, hanno contestato fortemente l'assenza dei sopravvissuti, che oggi pare si siano riuniti per fare un sit-in davanti il centro accoglienza.

"Sangue nostrum e vittime delle vostre leggi" e ancora "La presenza del regime eritreo offende i defunti e mette in pericolo i sopravvissuti". Questi gli striscioni più forti tenuti nelle mani di chi ha accarezzato molto spesso il dolore. Presente alla cerimonia anche il vice presidente della Coreis, la comunità religiosa islamica di Agrigento: "Potevano fare meglio? Siamo - spiega - in una situazione di emergenza dove per la prima volta coordinamento tra autorità religiose civili e istituzionali". 

Hanno fatto il dovuto rumore i funerali di Stato, letti in modo diverso. Molti dicono che è stato una sorta di atto dovuto, altri continuano a storcere il naso, definendo ciò "una passerella per i politici".  I manifestanti hanno chiesto di rivedere la legge "Bossi-Fini", e alzando la voce hanno detto: "Assassini, Assassini". ​

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Avatar anonimo di FRANCO
    FRANCO

    Il Fatto che Russello,con grande acribia,sottolinei la matrice delle contestazioni e ne minimizzi la portata porta a pensare male e imboccare la strada di Zambuto..........,Ero presente e posso garantire che siamo stati molto vicini alla aggressione fisica frutto certo di acrimonie ed invidie localissime contro Alfano.

    • Avatar anonimo di Fabio russello
      Fabio russello

      Ribadisco: il ministro è stato contestato soprattutto da italiani (il che non vuol dire solo da italiani) e non ha mai rischiato per un solo istante di essere aggredito. Piuttosto la vergogna (tralasciando l'arrivo in ritardo) è che la sua scorta rischia tutte le volte di fare del male a qualcuno perché si comportano come dei piccoli ras. Alfano non è MAI stato in pericolo.

  • Avatar anonimo di toto
    toto

    dove sono i sopravvissuti? sono scappati, abbattendo e danneggiando le transenne, e adesso sono i padroni di agrigento....

  • Avatar anonimo di James
    James

    Alfano è un ministro dello Stato Italiano, se viene aspramente contestato e offeso da gente straniera, peraltro salvata e accudita dal nostro Stato, mi sento, da Italiano, amareggiato, rammaricato e molto preoccupato per il futuro del mio Paese che dovrà reggere anche il peso dell'ingratitudine.

    • Avatar anonimo di Fabio russello
      Fabio russello

      Io era presente: contestazioni soprattutto da italiani. E nessun tentativo di aggressione, 

    • Veramente il tuo ministro è stato contestato ANCHE da italiani>siciliani>agrigentini>san leonini. In rete circolano diversi video (girati da testate giornalistiche nazionali) che testimoniano ciò. Ma si sa, non c'è peggior orbo di chi non vuol vedere.

  • Avatar anonimo di elis
    elis

    se non c'è rispetto per i vivi figuriamoci per i morti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Inferno di fuoco, devastato il bosco della Ciavolotta

  • Cronaca

    Firetto, bilancio di un anno: "C'è ancora tanto da fare"

  • Cronaca

    Porto Empedocle, 13 ordinanze per "spaccio di droga"

  • Licata

    Licata, ospedale a rischio: la comunità si mobilita

I più letti della settimana

  • Nuova Cupola, 15 condanne e processo d'appello da rifare per 12

  • Coltellate a transessuale, scatta una denuncia per lesioni

  • Balordi all'opera, devastato uno studio medico

  • La "Pokémon mania" invade Agrigento, ma sui social è polemica

  • Valle dei Templi, maxi rissa fra rivenditori di souvenir: 5 denunciati

  • Non hanno il wi-fi, scoppia la "rivolta" dei migranti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento