"Atti sessuali con minore e sottrazione di persona incapace", dopo la fuga d'amore con la 13enne ecco le accuse

Il ventisettenne originario del Mali è stato sottoposto a fermo dal sostituto procuratore di turno: Gianluca Caputo. Indagati per favoreggiamento due suoi connazionali: avrebbero ospitato i due giovani

Il ventisettenne, originario del Mali e residente a Raffadali, protagonista della fuga d'amore con una tredicenne residente in provincia di Catania, è stato sottoposto a fermo da parte del pm di turno Gianluca Caputo.

"Fuitina" d'amore con una tredicenne, Procura valuta la posizione del 27enne

La decisione è stata presa dopo aver sentito la ragazzina insieme a una psicologa. Sono stati ipotizzati, dalla Procura della Repubblica di Agrigento, i reati di atti sessuali con minore degli anni 14, che costituisce reato anche se vi è il consenso della minore, e sottrazione di persone incapaci.  

Le indagini sono state velocissime grazie all'ottimo lavoro svolto dalla stazione dei carabinieri di Raffadali - evidenziano dalla Procura di Agrigento - .

I due si erano conosciuti su Facebook e, insieme, a quanto pare, avrebbero pianificato la "fuitina" d'amore. Una fuga durata però pochissime ore visto che i carabinieri di Raffadali sono riusciti a ritrovare la minorenne. La scomparsa era stata denunciata dai genitori ai carabinieri del comando provinciale di Catania, mentre un familiare aveva pubblicato sul proprio profilo Facebook una richiesta di aiuto per ritrovarla.

Rintracciati grazie alle telecamere di video sorveglianza 

I carabinieri della compagnia di Agrigento si erano già mossi, nel pomeriggio di lunedì, per cercare la tredicenne, originaria della provincia di Catania, che sembrava essersi allontanata volontariamente dal proprio paese. Le ricerche sono terminate ieri mattina, quando i carabinieri della stazione di Raffadali hanno ritrovato la ragazza, insieme al maliano, in una abitazione del centro storico. Immediati gli accertamenti per comprendere cosa fosse accaduto.

Le indagini, durate tutto il giorno, hanno consentito di accertare che l’uomo, residente a Frosinone, aveva conosciuto la ragazza mesi fa attraverso il web e da quel momento ne era scaturita una fitta corrispondenza via social. Al punto tale che il maliano, l’altro ieri, è arrivato nel paese della ragazza e assieme a lei è partito alla volta di Raffadali dove due suoi connazionali gli hanno fornito un appoggio per dormire.

IL VIDEO. Da Frosinone a Catania e poi a Raffadali, i carabinieri rintracciano i giovani dopo una notte di ricerche

L’uomo, che è ora indiziato di sottrazione di persona incapace e di atti sessuali con minorenne, è stato subito trasferito in carcere, in attesa dell’udienza di convalida del fermo. I due connazionali, coloro che gli hanno dato un tetto sotto il quale dormire, dovranno, invece, rispondere dell'ipotesi di reato di favoreggiamento personale. La ragazza sta bene ed è stata affidata ai propri genitori.
 

Potrebbe interessarti

  • Tre metodi a confronto per pulire il condotto uditivo

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Come organizzare le pulizie al rientro dalle ferie estive

  • Il caffè è buono e fa bene

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • "Sequestro di persona e abuso d'ufficio", Legambiente Sicilia denuncia Salvini

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

  • Due colpi di pistola contro il balcone di casa di un disoccupato, aperta inchiesta

  • Chiesa agrigentina, ecco tutti i nuovi parroci nominati dal cardinale

  • Blitz dei carabinieri in Caf e patronati: trovati dei lavoratori in nero

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento