Le fiamme divorano l'isola ecologica di Ravanusa, D'Angelo: "I colpevoli devono pagare"

Spetterà ai militari dell’Arma ricostruire quanto accaduto, sono state avviate delle indagini

FOTO ARCHIVIO

E’ andata a fuoco l’isola ecologica di Ravanusa. Un maxi incendio, secondo quanto fa sapere La Sicilia, che ha distrutto la discarica. Momenti drammatici che hanno impensierito e non poco, i residenti della zona. L’inferno di fuoco è scoppiato mercoledì, dopo le 19. In cenere carta, cartone e plastica, ma anche vetro e altro ancora. Autobotti private hanno fatto sì che il rogo si spegnesse. Sul posto si sono precipitati i carabinieri. Spetterà ai militari dell’Arma ricostruire quanto accaduto, sono state avviate delle indagini. La rabbia del sindaco, D’Angelo, però, non si placa.

“Chi ha sbagliato deve pagare- dichiara il sindaco di Ravanusa Carmelo D’Angelo -. I carabinieri hanno acquisito le immagini della video sorveglianza, spero che al più presto possano arrivare all’identificazione del piromane che deve essere punito in maniera esemplare. Sono quasi certo che si tratti di un incendio doloso così come avvenuto nell’aprile del 2018 quando lo stesso centro era stato dato alle fiamme. Auspico che la giustizia faccia il suo corso nel più breve tempo possibile per far luce su questo gesto compiuto certamente da una persona meschina e senza scrupoli”. L’isola ecologica si trova in piazza Europa a Ravanusa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

  • La tempesta tiene in ostaggio la provincia, è allerta "arancione": ecco dove resteranno chiuse le scuole

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento