C'è chi ha salvato una famiglia e chi lotta contro corruzione, riciclaggio e truffa: ecco chi sono i 15 poliziotti premiati

Le celebrazioni per il 167esimo anniversario dalla fondazione della polizia di Stato, svoltesi a Favara, sono anche il momento della consegna dei riconoscimenti e delle ricompense per quanti si sono distinti in servizio

Un momento della consegna dei riconoscimenti durante la festa della polizia a Favara

C'è chi, mettendosi anche a rischio, ha salvato un'intera famiglia; chi è riuscito ad individuare un'organizzazione dedita al traffico di esseri umani; chi invece - in occasione delle demolizioni a Licata - ha arrestato coloro che provavano ad ostacolarle. Poliziotti perennemente in prima linea anche contro corruzione, ricettazione, riciclaggio e truffa, ma anche contro il dilagante spaccio di stupefacenti e contro i furti. 

Omicidi, violenze sessuali, furti e truffe in aumento: ecco il bilancio della polizia 

Le celebrazioni per il 167esimo anniversario dalla fondazione della polizia di Stato, svoltesi a Favara, sono anche il momento della consegna dei riconoscimenti e delle ricompense per quanti si sono distinti in servizio. Ecco chi sono, e perché, i 15 insigniti del 2019.   

Medaglia di bronzo al merito civile, onorificenza rilasciata dal presidente della Repubblica all'assistente capo Pietro Nascè: "Con generoso slancio, libero dal servizio, non esitava a soccorrere una famiglia intrappola in un’autovettura finita in una scarpata, che presentava una forte pendenza ed un terreno franoso. riusciva, con notevoli difficolta’ a portare in salvo l’intero nucleo familiare. chiaro esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere. Zambrone, 15 agosto 2009".

IL VIDEO. Il questore Iraci su Favara: "Territorio che merita attenzione da parte dello Stato"

Promozione per merito straordinario concessa al vice sovrintendente Giovanni Interlandi e al vice sovrintendente Giorgio Romano perché "evidenziando eccezionali capacità professionali ed elevato intuito investigativo partecipavano ad una complessa indagine sfociata nell'esecuzione di provvedimenti cautelari che consentivano di sgominare un'organizzazione criminale transnazionale dedita al traffico di esseri umani. Chiaro esempio di abnegazione e senso del dovere. Fiumicino, 5 febbraio 2016". 

Encomio solenne concesso al commissario capo Marco Alletto ed encomio all'ispettore superiore Giambattista Vella e agli assistenti capo Marco Incorvaia e Paolo Bonfiglio perché "evidenziando elevate capacità professionali e non comune determinazione operativa procedevano, nel corso di un servizio di ordine pubblico disposto in occasione dell'esecuzione di provvedimenti dell'autorità giudiziaria mirati alle demolizioni di immobili abusivi, all'arresto di cinque persone resesi responsabili dei reati di interruzione di pubblico servizio, resistenza, violenza, lesioni e oltraggio a pubblico ufficiale. Licata, 23 maggio 2016".

Encomio solenne concesso al vice ispettore Franco Fazio perché "evidenziando elevate capacità professionali, acume investigativo e non comune determinazione operativa espletava una complessa operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare a carico di tre persone ritenute responsabili di corruzione. Palermo, 29 ottobre 2015". 

Lode concessa agli assistenti capo Ivano Liviabella e Dionisio Francesca perché "con capacità operative esplatava un'attività di polizia giudiziaria culminata nell'esecuzione della misura cautelare degli arresti domiciliari a carico di due soggetti resisi responsabili dei reati di ricettazione, riciclaggio, resistenza a pubblico ufficiale e porto ingiustificato di chiavi e grimaldelli. Agrigento, 16 agosto 2016".

Lode all'ispettore superiore Maurizio Carusotto e ai vice ispettori Salvatore Stelvio Cipriano e Mariano Cipriano "per l'impegno profuso nell'espletare un'attività di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto, in flagranza, di due soggetti resisi responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e con il sequestro di un quantitativo di cocaina. Palma di Montechiaro, 6 luglio 2016".

Lode concessa al vice sovrintendente Filippo Nieli perché "con capacita’ professionali e determinazione operativa epletava una complessa indagine che si concludeva con la denuncia di tre soggetti plupregiudicati resisi responsabili di truffa. Sciacca, 19 luglio 2016". 

Lode concessa all'assistente Cristian Farruggia perché "con capacita’ operative espletava un’attivita’ di polizia giudiziaria che consentiva di arrestare un giovane e denunciare in stato di libertà ulteriori due minorenni responsabili in concorso di furto aggravato e possesso ingiustificato di chiavi e grimaldelli. Agrigento, 28 agosto 2016".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Si taglia una gamba e muore dissanguato: tragedia a Palma di Montechiaro

  • Tragedia a San Leone: muore un turista svizzero di 35 anni

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • L'incidente che ha ucciso Angelo, Racalmuto è sotto choc: annullati tutti gli eventi del week end

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento