Orrore nel Messinese, strangolata e uccisa una studentessa di Favara

La vittima si chiama Lorena Quaranta. La giovane donna sarebbe stata assassinata dal fidanzato. Indagini in corso dei carabinieri

La vittima Loredana Quaranta

Una ragazza di Favara, Lorena Quaranta, è stata strangolata dal compagno a Furci Siculo. Il fatto è avvenuto questa mattina in via delle Mimose, una zona periferica del comune ionico. A chiamare i carabinieri sarebbe stato lo stesso assassino che poi avrebbe tentato il suicidio e sarebbe stato trasportato in ospedale. 

L'uomo, in stato confusionale, avrebbe avvertito i militari del gesto compiuto. Indagini in corso dei carabinieri. Secondo le prime informazioni la coppia non è originaria di Furci e viveva in affitto in una delle villette in periferia. La vittima  studiava alla facoltà di Medicina dell'Università di Messina; Antonio De Pace, calabrese di Vibo Valentia, anche lui studente di Medicina a Messina il compagno che - secondo l'accusa - ha ucciso la ragazza. L'uomo si trova al Policlinico piantonato dai militari dell'Arma.

Lorena Quaranta non c'è più, Favara è sotto choc: sarà lutto cittadino

Il rettore Salvatore Cuzzocrea, avendo appreso della drammatica notizia di un ulteriore femminicidio che vede coinvolta Lorena Quaranta, una studentessa del sestanno anno del corso di laurea in Medicina e Chirurgia dell’università di Messina, esprime profonda tristezza e dolore, a nome di tutta la comunità accademica, per quanto accaduto ed è vicino alla famiglia ed agli amici della giovane donna.

"Nella condizione emergenziale che stiamo vivendo, esperti di settore avevano sottolineato il rischio che la convivenza forzata potesse acuire i conflitti familiari. In questo contesto la Ministra per le Pari Opportunità, Elena Bonetti - sottolinea Cuzzocrea - aveva ritenuto necessario porre con forza l’attenzione sulle donne, quelle fragili e in difficoltà. Anche il nostro Ateneo su sollecitazione della CRUI ha infatti aderito all’iniziativa promossa dal Ministero stesso e darà il  massimo risalto, attraverso i suoi canali,  alla campagna antiviolenza e alla diffusione del numero 1522, attivo 24 ore su 24. Sempre nell’ottica della prevenzione l’Università di Messina ha messo a disposizione, già dall’inizio della fase emergenziale, qualificate risorse umane e tecnologiche per attivare un servizio di supporto psicologico, disponibile per donne e uomini che si trovano in difficoltà". Maggiori dettagli sono disponibili al link https://www.unime.it/it/centri/cerip/come-affrontare-il-coronavirus-consulenza-psicologica-online Rimane una profonda amarezza - conclude il Rettore - nel dover constatare che purtroppo ancora una volta una vita è stata spezzata per femminicidio e confida pienamente nell’operato della magistratura e delle Forze dell’Ordine".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(Redazione MessinaToday)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • Tornano a casa e la trovano occupata: scoppia il caos a Villaseta

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

  • Lampedusa brucia: incendiati i "cimiteri" dei barconi dei migranti, aperta un'inchiesta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento