Maschere di Carnevale e pistola in pugno: in due rapinano il supermercato

Minacciando chi, in quel momento, era alla cassa, i malviventi si sono fatti consegnare tutti i soldi che c’erano

Delle indagini si stanno occupando i carabinieri (foto ARCHIVIO)

Maschere di Carnevale sul volto e pistola in pugno hanno rapinato il supermercato Fortè di via Capitano Callea. Due i delinquenti che sono entrati in azione poco prima dell’orario di chiusura dell’esercizio commerciale. Minacciando chi, in quel momento, era alla cassa, i rapinatori si sono fatti consegnare tutti i soldi che c’erano: circa 700 euro.

Rapina a mano armata alla banca Carige: due delinquenti in fuga 

Presi i soldi, il resto – per la coppia di malviventi – è stato quasi un gioco da ragazzi. In una manciata di minuti non soltanto si sono dileguati, ma sono riusciti a far perdere ogni loro traccia. A quanto pare, almeno inizialmente, i due erano stati visti scappare a piedi: dal supermercato non sarebbe stato notato altro.

Rapina al distributore di carbuante Nuara: erano in tre 

In realtà, i carabinieri della tenenza di Favara – che si stanno occupando delle indagini per cercare di identificare i criminali – avrebbero la certezza che i due sono fuggiti a bordo di un’autovettura. Subito dopo la rapina, che è avvenuta nei giorni scorsi e sulla quale è stato mantenuto il fitto – anzi categorico – riserbo, tutta la zona è stata setacciata. I carabinieri hanno anche fatto posti di blocco e di controllo nei pressi della strada statale. L’obiettivo chiaramente era quello di intercettare il mezzo dei fuggitivi.

"Meccanico" e "dalmata" tentano rapina in cartoleria 

Sono state subito, naturalmente, avviate le indagini. Non ci sono conferme istituzionali, ma appare praticamente scontato che i militari dell’Arma abbiano già acquisito e passato in rassegna le immagini dei sistemi di video sorveglianza. Telecamere che potrebbero anche incidere, e in maniera determinante, nell’identificazione dei criminali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento