Incendiata l'auto di un quarantaseienne, i carabinieri sequestrano la tanica

Il proprietario della Lancia Thesis è in carcere: era stato arrestato dai militari dell'Arma alla fine dello scorso novembre

Le fiamme sono state spente dai vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento

Nessun dubbio. Non questa volta. A confermare la natura dolosa del rogo che ha incenerito una Lancia Thesis, posteggiata in via Ungheria, è stato il ritrovamento di una tanica con ancora delle tracce di benzina all'interno. Tanica che è stata, naturalmente, sequestrata dai carabinieri.  

L'autovettura era di proprietà del quarantaseienne favarese: A. C.. Le fiamme l'hanno completamente devastata. A mobilitarsi, cercando di fronteggiare il rogo, sono stati i vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento. Ma, per la vettura, non c'è stato nulla da fare.

I carabinieri della tenenza di Favara hanno immediatamente avviato le indagini. Nessun dubbio, appunto, sul fatto che si sia trattato di un incendio doloso. Il quarantaseienne, proprietario dell'autovettura distrutta, è in carcere. Ad arrestarlo, lo scorso fine novembre, per l'ipotesi di reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, erano stati i carabinieri. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Marmista massacrato e ucciso nel suo laboratorio, il luogo del delitto al setaccio

  • Cronaca

    Abitazioni e negozi nel "mirino" dei ladri, tentati tre nuovi colpi

  • Canicatti

    Devastate dalle fiamme due auto, la polizia apre un'inchiesta

  • Cronaca

    "Abusivismo edilizio", firmata una nuova ingiunzione di demolizione

I più letti della settimana

  • Quaranta è un fiume in piena: "Messina Denaro? E' il capo di Cosa Nostra"

  • La Valle tra i palazzi della città, intervengono "Le Iene": Firetto pronto a denunciare

  • Il commissario Montalbano in "Amore", stasera le scene girate alla casa di Pirandello

  • Registra con il cellulare le donne che usavano il bagno di uno studio medico: denunciato

  • "Furti, rapine e ricettazione: scoperta un'associazione per delinquere": tre fermi

  • Quaranta apre nuovi squarci sulla latitanza di Messina: "Pullara gli cercava i covi"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento