"Lo spacciava come suo collaboratore", Occhionero non va in Procura

Il deputato, iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di falso documentale, ha chiesto un rinvio adducendo impegni parlamentari

Giusy Occhionero

La deputata di Italia Viva Giusy Occhionero non si è presentata in procura davanti ai magistrati che l'avevano convocata per un interrogatorio dopo averla iscritta nel registro degli indagati con l'accusa di falso documentale. Occhionero - secondo quanto riporta l'Ansa - ha chiesto un rinvio adducendo impegni parlamentari.

"C'è spiccata pericolosità criminale e pericolo di reiterazione": ecco perché il gip ha convalidato i 5 fermi

L'inchiesta coinvolge anche il boss Accursio Dimino e il Radicale Antonello Nicosia accusati entrambi di associazione mafiosa. Nicosia risponde anche di concorso in falso con Occhionero. La donna lo fece entrare per tre volte nelle carceri siciliane spacciandolo per suo collaboratore nonostante solo settimane dopo il rapporto professionale tra i due fu formalizzato.

Blitz "Passepartout", Nicosia davanti al gip: "Millantavo, non sono un associato"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Incidente a San Leone: auto contro un muro, perde la vita un 32enne

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento