"Evasione dagli arresti domiciliari e spaccio di droga": tre arresti

I provvedimenti sono stati eseguiti dai carabinieri in diverse cittadine della provincia. Un ventenne e un sessantenne devono scontare delle pene

(foto ARCHIVIO)

Evasione dagli arresti domiciliari e spaccio di sostanze stupefacenti. Sono tre le persone che, negli ultimi giorni, sono state arrestate dai carabinieri. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Castrofilippo, in un posto di blocco, è stato arrestato Giuseppe Spallino, sessantenne. Durante il controllo è risultato essere destinatario dell'ordine del magistrato di sorveglianza di Palermo perché deve scontare 8 mesi ai domiciliari per evasione. A Sciacca, è stato nuovamente arrestato Salvatore Abbruzzo, 44enne, per più evasioni dagli arresti domiciliari. È stato portato, dopo le formalità di rito, in carcere. A Naro, infine, è stato  arrestato un ventenne originario del Gambia. L'immigrato è risultato essere destinatario di un ordine di carcerazione della Corte di Appello di Roma: deve scontare un anno di reclusione per spaccio di stupefacenti. Anche lui è stato portato in carcere, ma ad Agrigento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento