Erosione costiera in atto, occhi puntati sulla foce del Salso

Il mare sta erodendo la spiaggia della Play, inoltre "radar" puntati sul ponte che attraversa il fiume licatese

FOTO ARCHIVIO

Il mare continua, senza sosta, ed erodere la spiaggia della Playa a Licata. Il Comune punta i “radar” anche il ponte che attraversa la foce del fiume Salso. Secondo quanto fatto sapere da La Sicilia, i tecnici del Genio Civile e del Comune hanno dato vita ad un sopralluogo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“C’è un avanzamento notevole del mare – ha spiegato l’esperto del sindaco, Tony Licata a La Sicilia – rispetto all’anno scorso registriamo uno spostamento in avanti di circa otto metri. Le dinamiche che vengono tenute maggiormente sotto stretta osservazione sono quelle relative al depuratore di contrada Ripellino e ai piloni del ponte sulla Foce del Fiume Salso. L’innesto dei piloni è infatti più avanti rispetto all’impianto di depurazione e il mare rischia di scavare dei solchi. Il monitoraggio – conclude Licata – è comunque continuo”. Si tratterebbe di circa 150 metri di spiaggia erosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Tenta di bloccare tunisino in fuga da Villa Sikania e viene aggredito: poliziotto finisce in ospedale

  • Lunghe attese al pronto soccorso? Scoppia il tafferuglio, 4 feriti: pure 2 infermieri

  • Movida a rischio, altra rissa tra giovanissimi a San Leone: volano pugni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento