Reparto di oncologia, nuove "preziose" donazioni al "San Giovanni di Dio"

Gesti simili - da parte di associazioni o anche di privati cittadini - si registrano sia in favore dell'ospedale della città dei Templi che in altre aziende ospedaliere della provincia

Prima, la donazione di un tavolo da reception con top di cortesia per migliorare l’accoglienza dei pazienti nella prima fase d’accettazione. Adesso, la donazione di una barella, di 5 predellini a un gradino, 10 aste per flebo, un tavolo per prelievi ematici e un lettino da visita. L’associazione Malati in cura oncologica Onlus di Agrigento continua a fare del bene e, nel giro di poche settimane, ha fatto due donazioni al reparto di Oncologia medica dell'ospedale "San Giovanni di Dio". I gesti sono stati fatti per spirito di liberalità e solidarietà.

Tutti i beni sono stati, dunque, già accettati dall'azienda sanitaria provinciale. Il relativo atto è stato, infatti, già firmato dal direttore generale dell'Asp 1 Giorgio Giulio Santonocito. Periodicamente, gesti simili - da parte di associazioni o anche di privati cittadini - si registrano sia in favore dell'ospedale della città dei Templi che in altre aziende ospedaliere della provincia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La ditta Chinesport di Udine ha, ad esempio, donato un sistema di riabilitazione motoria per paraplegici (Lokostation), fornendolo in noleggio triennale all’unità operativa di Medicina fisica e Riabilitazione del presidio ospedaliero di Agrigento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

  • Secondo tampone positivo in meno di 24 ore a Ravanusa: è un focolaio diverso, per l'Asp gli infetti sono 85

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento