Dolce e Gabbana donano somme per il restauro di palazzo Ducale

Il marchio ha regalato anche un progetto di "floral design" per la riqualificazione dei giardini della villa comunale e del corso di via Turati

L'allestimento curato ieri

Non solo visibilità per un centro storico affascinante ma poco conosciuto, ma anche vere e proprie donazioni che potrebbero contribuire al miglioramento della città del "Gattopardo".

La D&G, dopo la serata a Palma di Montechiaro, ha infatti voluto contribuire donando delle somme per il restauro del palazzo ducale Tomasi di Lampedusa all'interno del quale resteranno, in maniera permanente, parte degli allestimenti e dei decori realizzati per gli eventi. Ma non è finita qui perché Dolce&Gabbana ha sviluppato e donato anche un progetto di "floral design" per la riqualificazione dei giardini della villa comunale e del corso di via Turati.

In occasione della serata Sylvia Mantella, filantropa canadese, cliente e amica del brand, ha donato un abito alta moda che possiede e ha indossato per un evento alta moda a New York (si tratta dell’abito Gattopardo, dedicato al romanzo di Tomasi di Lampedusa) alla principessa Carine Vanni Mantegna di Gangi, attuale proprietaria di palazzo Gangi - Palermo, dove la scena finale del film "Il Gattopardo", di Luchino Visconti, è stato girato. 

Potrebbe interessarti

  • Tre metodi a confronto per pulire il condotto uditivo

  • Come organizzare le pulizie al rientro dalle ferie estive

  • La parete verde: come organizzare il giardino verticale in casa

  • Il caffè è buono e fa bene

I più letti della settimana

  • Due colpi di pistola contro il balcone di casa di un disoccupato, aperta inchiesta

  • Chiesa agrigentina, ecco tutti i nuovi parroci nominati dal cardinale

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

  • Blitz dei carabinieri in Caf e patronati: trovati dei lavoratori in nero

  • Incidente: auto si ribalta lungo la strada per Joppolo, 13enne in gravi condizioni

  • Pistola in pugno rapinano l'ufficio postale, in fuga due criminali

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento