Demolizione alla Scala dei turchi, il Distretto turistico: "Si respira un nuovo clima"

Intervento di Gaetano Pendolino, amministratore di piano del Distretto: "Grazie a Legambiente e al sindaco Pietro Puccio, che ha contribuito ad accelerare il processo di demolizione della struttura"

Gaetano Pendolino

Il "Distretto turistico regionale Valle dei Templi" esprime grande soddisfazione per l’inizio delle opere di demolizione dell’ormai tristemente noto scheletro della Scala dei Turchi.

"La demolizione dello scheletro che ormai da troppi anni faceva mostra di se stesso a pochi passi dalla Scala dei Turchi  - dichiara Gaetano Pendolino, amministratore di piano del Distretto - è un evento importante per tutto il territorio. Prima di tutto, ovviamente, per il ripristino di luoghi di straordinaria bellezza che sono una preziosa eredità da trasmettere alle generazioni future. Inoltre, perché tale evento rappresenta un segnale importante del  nuovo clima che si respira anche nella nostra terra. Sembra infatti che finalmente i più abbiano compreso  che le risorse ambientali, monumentali e paesaggistiche e, più in generale, la bellezza e la cultura sono un patrimonio comune da difendere ed una risorsa anche sociale ed economica. L'occasione e' propizia per ringraziare chi nel tempo si è speso per raggiungere questo risultato, ossia Legambiente ed ora il sindaco Pietro Puccio, che ha contribuito ad accelerare il processo di demolizione della struttura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Forti raffiche di vento e temporali, la Protezione civile dirama allerta "gialla"

  • Il riscatto e la rinascita, Andrea Mendola: "Non vedevo futuro adesso tutto è cambiato"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento