Poche nascite, l'Agrigentino perde residenti: ecco la città del domani

La fotografia è stata realizzata da Istat, che ha monitorato i saldi demografici dal 2012 al 2018, i quali registrano una riduzione dei residenti in provincia ma non nel capoluogo

Crollano le nascite

Dal 2012 al 2018 la provincia di Agrigento ha perso oltre ottomila residenti. Il dato, registrato da Istat, vede un crollo da 446.520 a 438.276 abitanti, anche se la città dei Templi risulta in controtendenza. Infatti il capoluogo è cresciuto dai 58.238 abitanti del 2012 ai 59.329 dello scorso anno.

Un piccolo "boom" demografico che però non è frutto delle nascite (il saldo naturale, calcolato sottraendo le morti dal dato dei bambini nati vivi è di -232, il più alto tra quelli riscontrabili sul territorio) ma che nasce da una parziale migrazione di ritorno e, soprattutto, dalla crescita de numero di cittadini extracomunitari: nel 2012 gli stranieri in città erano 861 e quelli in provincia 9396. Oggi, secondo Istat, sono oltre 1718 nel capoluogo e 15.292 in tutto il territorio dell’Agrigentino, un dato da rivedere al rialzo data comunque la presenza non riscontrabile degli irregolari.

Potrebbe interessarti

  • Tre metodi a confronto per pulire il condotto uditivo

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Il caffè è buono e fa bene

  • La parete verde: come organizzare il giardino verticale in casa

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • "Sequestro di persona e abuso d'ufficio", Legambiente Sicilia denuncia Salvini

  • Chef Rubio choc su Instagram: "Lampedusa? Bella, ma è anche l'isola della cocaina e mafia"

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

  • Chiesa agrigentina, ecco tutti i nuovi parroci nominati dal cardinale

  • Blitz dei carabinieri in Caf e patronati: trovati dei lavoratori in nero

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento