Da laboratorio di pasticceria a laboratorio d'arte, Michele Guardì a Casteltermini

Si tratterà quindi di un progetto sì artistico, ma anche pragmatico, dove la competenza e la possibilità di imparare la faranno da padroni. Non mancherà il direttore artistico, nominato dallo stesso Guardì

Nella foto Michele Guardì, il sindaco Nuccio Sapia e la moglie Rita Calabrò
Una donazione emblematica, che va ben al di là delle occorrenze materiali. Il noto regista televisivo Michele Guardì ha, infatti, firmato il contratto di cessione, a vantaggio del comune di Casteltermini, di uno storico stabile nel cuore di Casteltermini. Si tratta del celebre laboratorio di pasticceria delle famiglie Di Pisa- Guardì, un edificio che è sempre stato un'istituzione per Casteltermini, un pezzo di storia del centro montano..
 
"Da laboratorio di pasticceria, ha detto Guardì, a laboratorio d'arte". Sarà questa infatti la destinazione d'uso dello stabile, che si trova nel centro storico e a due passi dell'antiquarium Di Pisa-Guardì, inaugurato nel 2008 e che fa da scrigno a importanti pezzi d'arte e d'archeologia. Nell'ormai ex laboratorio di pasticceria, apportati i dovuti aggiustamenti, nascerà un quartiere generale, che diventerà una fucina per gli artisti di tutta la provincia. Scuola di regia, di musica, di teatro, di recitazione oltre che sguardo vigile su tutte le declinazioni dell'arte. E' questo l'obiettivo, ambizioso, ma non impossibile, che si desidera realizzare nel laboratorio.
 
A sottoscrivere il contratto, Michele Guardì, visibilmente emozionato, la moglie Rita Calabrò e il primo cittadino di Casteltermini, Nuccio Sapia. Il tutto si è svolto alla presenza della giunta comunale e del funzionario Piero Morreale, che ha scandito con precisione la lettura gli atti e del comandante della polizia municipale, Pippo Sardo. "Il mio sogno - dice Guardì - è che tra sessant'anni, quando un giovane siciliano vorrà fare il regista o l'attore, potrà recarsi al laboratorio di idee castelterminese e lì trovare tutte le coordinate per realizzare il proprio sogno":
Michele Guardì-3
 
Si tratterà quindi di un progetto sì artistico, ma anche pragmatico, dove la competenza e la possibilità di imparare la faranno da padroni. Non mancherà il direttore artistico, nominato dallo stesso Guardì.
 
"Il direttore artistico - sottolinea il celebre regista de 'I fatti vostri' - non sarà un nome altisonante, quanto una persona  capace e pratica. Non è eslcuso che possa essere scelto un giovane castelterminese, dotato di talento e di buona volontà. Non abbiamo bisogno di una figura per 'pupiarci' quanto di una persona che sappia  partorire idee creative e passare efficacemente dalla parola all'azione".
 
A fare eco a Guardì è il sindaco di Casteltermini, Nuccio Sapia, che dice: "E' un giorno importante per Casteltermini, per il quale ringraziamo il nostro illustre concittadino. Il nostro paese è sempre stato prodigo di artisti, su tutti il grande Michele, che ha portato il nostro paesino fino alla Rai, in quelle scenografie che tanto ci inorgogliscono. Il laboratorio deve diventare un volano per fare dell'aspirazione all'arte non solo una concretezza, ma anche un mestiere. Questo progetto - spiega il primo cittadino - potrebbe far diventare Casteltermini un centro nevralgico a livello nazionale. Metteremo presto in moto la macchina operativa, così da far partire i lavori di sistemazione dei locali e da far decollare il laboratario d'arte. Un grazie di cuore a Michele Guardì e alla sua famiglia, per questa donazione".
 
Michele Guardì ha firmato il contratto in un giorno per lui "particolare", la festa in onore di San Calogero "di Casteltermini", santo di cui il regista è particolarmente devoto. Guardì è già in partenza per Roma dove lo attende la nuova stagione Rai, con il dominio sulla fascia mattutina dell'intrattenimento per famiglie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Forti raffiche di vento e temporali, la Protezione civile dirama allerta "gialla"

  • Il riscatto e la rinascita, Andrea Mendola: "Non vedevo futuro adesso tutto è cambiato"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento