Modificato lo statuto del Cua, l'anno accademico è al sicuro

L'assemblea dei soci ha inoltre deciso di ricordare il celebre filosofo akragantino inserendolo nel nome dell'ex Cupa. Ridotte le quote sociali

Il "nuovo" Consorzio universitario di Agrigento ha emesso il primo vagito. L'assemblea dei soci, riunitasi stamattina, ha infatti votato le tanto attese modifiche statutarie che consegneranno alla Regione la presidenza, al Comune la vicepresidenza e all'Università di Palermo un terzo ruolo dentro il Cda. Tutto è andato come da pronostici, nonostante le preoccupazioni dei giorni passati connesse ad un rischio di eventuale ulteriore rinvio della seduta. Una preoccupazione fondata, dato che senza le modifiche statutarie Unipa non avrebbe fatto partire la nuova offerta formativa ad Agrigento nell'anno accademico 2019/2020 con tre corsi di laurea, cioè Economia e Scienze aziendali, Scienze dell’Educazione, Architettura e Ambiente costruito.

Nuovo statuto del Consorzio universitario, Micari ai soci: "Bisogna fare presto"

Novità più evidente, tra quelle deliberate, l'attribuzione di uno specifico nome al Consorzio, ovvero quello di Empedocle, il famoso filosofo akragantino. Un modo per rimarcare probabilmente le radici classiche di Agrigento e il suo legame indissolubile con la storia antica. Rimodulate, per questioni finanziarie e burocratiche, le quote di partecipazione dei soci e i relativi pacchetti azionari, con il Comune di Agrigento che resta socio di maggioranza, ma con un taglio del contributo di circa 50mila euro. Rinviate al momento le dimissioni dell'attuale Cda, a partire dal presidente Busetta, dato che le modifiche, per essere formalmente vigenti, dovranno prima essere trasmesse all'Assessorato regionale.

“Accogliamo con grande favore la nascita di Empedocle Consorzio Universitario di Agrigento – commenta il rettore dell’Università degli studi di Palermo, prof. Fabrizio Micari - Abbiamo voluto fortemente impegnarci per il territorio agrigentino attivando, a partire dal prossimo anno accademico, dei nuovi corsi di studio che concorreranno ancora maggiormente allo sviluppo, consentendo anche un risparmio alle famiglie. L’obiettivo è di preparare i nostri giovani all’ingresso nel mondo del lavoro con una spiccata attenzione agli asset di riferimento della nostra Regione”.

Soddisfatto anche il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto “Si chiude positivamente un lungo capitolo di ansie e di attese. Si apre una nuova pagina di storia con la nascita di Empedocle - Consorzio Universitario di Agrigento” ha dichiarato. Il primo cittadino, a cui si deve la proposta, poi accolta, di dedicare al filosofo di Agrigento, Empedocle, questo nuovo corso del Consorzio, ha rivolto parole di soddisfazione e di stima al rettore dell’Università di Palermo, Fabrizio Micari: “Sono state comprese le ragioni del territorio e la necessità di ripensare il futuro per gli studenti agrigentini, continuando a garantire loro l’opportunità di accedere alla formazione universitaria. E’ trascorso tanto tempo dalla crisi del 2015, ora davvero possiamo dire ai giovani: ragazzi, si riparte!” ha concluso il sindaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Notte di fuoco fra Palma e Licata: distrutte le auto di insegnante e agricoltore

  • Il mondo di un agrigentino a Budapest, Gero Miccichè: "Io e la Disney, una grande emozione"

  • Cliente preleva allo sportello e si accorge dell'incendio in banca: chiusa piazza per ore

  • Mette in vendita i mobili e le rubano 1.050 euro dal bancomat: ecco la nuova truffa

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento