Il Csm ha deciso: Salvatore Vella è il procuratore aggiunto

Ha un curriculum di grande spessore, con esperienze anche alla Procura di Sciacca ed alla Dda di Palermo. Conosce, come pochi, il fenomeno mafioso dell'Agrigentino. Ma è anche un grande conoscitore e studioso dell'immigrazione clandestina 

Il procuratore aggiunto Salvatore Vella

Il Plenum del Consiglio superiore della magistratura ha deciso Salvatore Vella è il nuovo procuratore aggiunto di Agrigento. Prende il posto che era stato ricoperto, per otto anni, dal magistrato uscente Ignazio Fonzo che, nell'aprile del 2017, è stato nominato aggiunto a Catania.

Salvatore Vella, 48 anni, abituato ad un carico di lavoro elevato, è stato, fino ad ora, sostituto procuratore proprio ad Agrigento ed ha un curriculum di grande spessore, con esperienze - dall'aprile del 2001 al luglio del 2008 - alla Procura di Sciacca ed alla Dda di Palermo dal 2008 fino al febbraio del 2012. Vella conosce, come pochi, il fenomeno mafioso dell'Agrigentino. Ma è anche un grande conoscitore e studioso del fenomeno dell'immigrazione clandestina.  

Alla Procura di Agrigento è arrivato sei anni fa.  Nei primi mesi del 2017, il Csm aveva deliberato il suo trasferimento alla Procura di Trapani come sostituto. La presa di possesso del suo nuovo incarico doveva avvenire pochi mesi dopo ma venne, allora, rinviata per evitare lo svuotamento dell’ufficio visto che c'erano stati altri trasferimenti. L'11 maggio del 2017, il Cms lo ha poi proposto all'unanimità come procuratore aggiunto della Procura di Agrigento.

"Dal 6 febbraio del 2012 ad oggi, sostituto procuratore presso la Procura della Repubblica di Agrigento, appartenente ai gruppi “Reati contro la pubblica amministrazione” e “Reati sessuali e a tutela delle fasce deboli” - scrive il Consiglio superiore della magistratura - . Dal 2004 al 2011 e dal 2014 al 2016 è stato applicato alla Direzione distrettuale antimafia presso la Procura della Repubblica di Palermo, come coassegnatario di diversi procedimenti penali per reati di criminalità organizzata di stampo mafioso e altro, a carico di appartenenti a diverse famiglie mafiose della provincia di Agrigento. E’ evidente quindi la pluralità di esperienze maturate da Vella nel settore requirente". Il Csm riprende, poi, un parere redatto per la valutazione di professionalità dove il nuovo procuratore aggiunto di Agrigento viene definito come: "Magistrato serio, laborioso e dotato di elevate capacità professionali tra cui si segnalano, in particolare, la non comune preparazione tecnico-giuridica e la adeguata capacità di organizzazione professionale del proprio e dell’altrui lavoro".

Richiamato - sempre dal Csm - un rapporto informativo del 21 novembre 2016 del procuratore della Repubblica di Agrigento, Luigi Patronaggio. Rapporto in cui il procuratore capo ha sottolineato "come Vella ha incrementato la dinamicità e lo spirito d’iniziativa che, unite alla sua solida attitudine all’organizzazione delle risorse materiali e personali, hanno reso estremamente proficua la collaborazione offerta nella conduzione della Procura". Nello stesso parere si legge che "Vella ha trattato, nel tempo, procedimenti che hanno avuto ad oggetto le più svariate materie, taluni dei quali di difficile soluzione, e che hanno consentito al medesimo di acquisire ampia conoscenza del vasto panorama di illeciti penali". Patronaggio ha inoltre evidenziato il magistrato oltre a trattare procedimenti di notevole complessità, ha adoperato '‘tecniche di indagine che si sono confermate adeguate ed efficaci".

Per ricoprire l'incarico di procuratore aggiunto di Agrigento, inizialmente, la rosa era composta da otto nomi. La "corsa" per il posto di vice del procuratore Luigi Patronaggio, poi, si è ristretta ed è scesa a quattro nominativi. L'11 maggio, la quinta commissione del Csm propose, all'unanimità, il nome di Salvatore Vella. 

Vella ha coordinato inchieste antimafia importanti come "Face Off" e "Scacco Matto". Si è impegnato - facendo in modo che si creasse uno stabile coordinamento tra Squadra Mobile della Questura di Agrigento, Guardia Costiera e Marina Militare - per il contrasto all’immigrazione clandestina dai Paesi del Nord Africa, soprattutto Libia ed ha coordinato l'operazione "Voodoo". Di recente, sta coordinato l'inchiesta sulle attività e la gestione di Girgenti Acque. 

Potrebbe interessarti

  • Come proteggersi dalle zecche

  • Formiche in casa: rimedi naturali per eliminarle

  • Come eliminare la puzza di sigarette dai nostri ambienti domestici

  • Il bicarbonato di sodio e i suoi utilizzi in casa

I più letti della settimana

  • Colto da un malore mentre si fa il bagno, tragedia a Porto Empedocle: muore un uomo

  • Nuovo colpo a Cosa Nostra, scatta il blitz Assedio: 7 fermi, c'è anche un consigliere comunale

  • Blitz "Assedio", le intercettazioni: "Io ci sono nato mafioso … mi devo vergognare che sono mafioso?"

  • Blitz antimafia "Assedio", ecco i nominativi dei fermati

  • Il pm la scagiona, lei muore poco dopo: la città piange Maria Garufo

  • Ricconi alla Scala dei Turchi, super yacht con scivolo gonfiabile

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento