Lavori dopo il crollo di Palazzo Lo Jacono, il Comune cita in giudizio i proprietari

L’ente aveva anticipato le somme per gli interventi di messa in sicurezza, sgombero delle macerie e bonifica dei luoghi, adesso chiede il rimborso di quanto speso

Le macerie di Palazzo Lo Jacono

Il Comune di Agrigento ha citato in giudizio in tribunale i proprietari del Palazzo Lo Jacono Maraventano, crollato il 25 aprile 2011. L'ente vuole ottenere il rimborso delle somme spese per la messa in sicurezza e lo sgombero delle macerie.

I periti chiedono più tempo per chiarire i dubbi

Con un’ordinanza successiva al crollo del palazzo, l’ente aveva chiesto ai proprietari di eseguire entro trenta giorni gli interventi di messa in sicurezza, sgombero delle macerie e bonifica dei luoghi. Disattesa l’ordinanza da parte dei proprietari, il Comune ha affidato i lavori ad un’impresa di Favara per un importo complessivo di 3.062 euro. 

Sei anni dopo, il processo ancora in corso

Adesso il sindaco Lillo Firetto ha citato in giudizio i proprietari, chiedendo al tribunale la condanna al rimborso della somma anticipata, conferendo l’incarico per la difesa e rappresentanza dell’ente all’avvocato Antonio Insalaco, dirigente del primo settore Affari generali. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • Incidente sulla statale 123, uomo perde controllo dell'auto: estratto dalle lamiere

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento