Crollo del Palazzo Lo Jacono, slitta ancora l'audizione dei periti

Dopo un primo rinvio su richiesta dei tecnici che volevano altro tempo, questa volta è stato sollecitato da un difensore

Palazzo Lo Jacono dopo il crollo

All'udienza preceente i periti avevano chiesto altri quaranta giorni per tentare di chiarire le insanabili divergenze fra consulenti di Procura e difesa. L'ingegnere Luigi Palizzolo e l'architetto Pietro Tabbuso, entrambi dell'Università di Palermo, incaricati dai giudici della prima sezione penale di individuare le cause del crollo del Palazzo Lo Jacono Maraventano, caduto al suolo il 25 aprile del 2011, avevano ottenuto altro tempo per risolvere i dubbi sorti al tribunale dopo che i consulenti di procura e difesa hanno illustrato tesi diametralmente opposte.

Oggi pomeriggio il processo doveva riprendere ma l'avvocato Giuseppe Scozzari, componente del collegio di difesa degli imputati, ha chiesto un rinvio per un altro impegno di natura professionale. Si torna in aula il 6 marzo. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Oneri di compensazione per il rigassificatore, i soldi delle mille polemiche e dell'inchiesta della Procura

  • Cronaca

    "Minaccia ex suocero della sorella con la mazza da baseball", condannato

  • Raffadali

    "Continua i lavori su una casa abusiva sequestrata", condanna confermata per Terrazzino

  • Cronaca

    Scommesse illegali, scatta il blitz in diverse sale giochi: 5 denunciati e multe per 80 mila euro

I più letti della settimana

  • Calci e pugni fra famiglie, sradicato il portone di una casa: una donna in ospedale

  • Lascia l'auto davanti alla transenne e s'avvia sul viadotto, bloccato

  • Esce da casa e scompare, bimbo di 7 anni ritrovato dopo un'ora e mezza

  • "Sesso con allievi", chiesto rinvio a giudizio per istruttore di tennis

  • "Ecco come si drogavano i bilanci", tutte le accuse a Firetto: gli indagati sono otto

  • L'inchiesta sui corsi di formazione, il riesame conferma i sequestri

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento