"Aumentati i disabili nell'Agrigentino", l'Asp avvia dei controlli

Non sono ancora stati resi noti dettagli, ma le procedure starebbero per essere attivate. Si tratterebbe, comunque, non di verifiche per escludere ma di ricategorizzazioni in funzione dei nuovi parametri

(foto archivio)

Non "verifiche per escludere" ma "ricategorizzazioni" in funzione dei nuovi parametri. Anche se non è stato possibile sapere nulla di più specifico dai vertici dell'Asp agrigentina, cui il governatore Crocetta nei giorni scorsi ha sollecitato l'avvio di "accertamenti" circa le cifre dallo stesso citate, le procedure starebbero per essere avviate. Nei prossimi giorni sarà possibile capire che tipo di intervento, o "attività ispettiva" sarà posta in essere nei vari distretti sanitari e con quali "conseguenze".

Dal rapporto di Crocetta, nel distretto di Licata, su 61mila abitanti, si contano 144 casi: quasi il 30per cento in più di quelli registrati nel distretto Palermo, dove sono 102 nonostante una popolazione di 770 mila abitanti. Inoltre, in due anni i casi sarebbero aumentati del 640per cento a Bivona.

"Abbiamo il sospetto che qualche Comune invece di pensare all' assistenza dei cittadini con gravi disabilità pensi alle cooperative che gestiscono i servizi", disse in quell'occasione il presidente della Regione, sollevando un vero vespaio.

Tant'è che non si è fatta attendere la reazione del sindaco bivonese, Giovanni Panepinto, che ha dichiarato: "Una vicenda delicata e dolorosa come quella dell'assistenza ai disabili gravissimi da seria rischia di diventare una farsa. La Regione aveva dei parametri che lei stessa ha poi modificato: nel distretto socio-sanitario di Bivona c'erano 37 casi, ora 35 perché due persone sono decedute ma sono sparsi in cinque comuni dove oltre il 60per cento della popolazione supera i 65 anni, molti sono ultraottantenni. A Bivona - spiega Panepinto - il distretto ha attivato il progetto 'Vita indipendente' per i disabili con un'assistenza che viene effettivamente erogata. Proviamo ad affrontare la questione senza creare scandali, utilizzando sì l'attività ispettiva dell'assessorato alla Famiglia, spesso assente, e non creando polemiche inutili".

Sulla vicenda è intervenuta anche Angela Zicari, la presidente dell'associazione "Amici di Agrigento" e rappresentante del movimento "Noi Liberi", composto da 10 associazioni della provincia.

"Innanzi all’inerzia della pubblica amministrazione e all'inefficienza nell’erogazione dei servizi da garantire ai disabili attraverso il Fna anni 2014/2015 ci siamo rivolti al presidente Crocetta per chiedergli aiuto: evidentemente non si è stati abbastanza chiari - ha detto la presidente -. Il Distretto socio sanitario D1, con capofila Agrigento 'i cui disabili sono miracolosamente moltiplicati', vede ancora oggi il progetto gravissimi anno 2013 bloccato. I disabili hanno chiesto, ancora, alla VI Commissione Regione Sicilia di essere ascoltati in ordine alle scelte operate per il riparto del Fondo di non autosufficienza anno 2015, il quale risulta, a parere nostro, discriminatorio nei confronti delle persone disabili che hanno diritto a beneficiare di parte del fondo, in misura eguale ad altre persone affette da altre forme di disabilità.

Purtroppo nel Distretto Socio Sanitario D1 vi sono molte persone, affette da disabilità gravissima, dimenticate dallo Stato e dalla Regione Sicilia. Queste persone hanno un nome e un cognome e chiedono  un rispetto che viene negato da una Regione che prevede, per i disabili, continue sottoposizioni a visite innanzi alle commissioni mediche - ha detto ancora Zicari -. Ciò che stupisce in realtà, non è il “miracolo della moltiplicazione dei disabili” né l’indagine che sarà avviata. Ciò su cui si dovrebbe indagare sono le ragioni connesse alla mancata fruizione da parte di alcuni distretti dei progetti di 'Vita indipendente' oggi applicati in soltanto 15 ambiti territoriali: tra questi il Distretto D1 non compare. Sarebbe bello capire perché. Indaghiamo, ma indaghiamo su tutto però", ha concluso.

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • "Vertici e affiliati di Cosa Nostra", 9 ordinanze di custodia cautelare: ai domiciliari l'ex consigliere comunale

  • Incidente frontale tra due auto sulla strada statale 115: tre feriti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento