Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Criticità del “Petrusa”, arriva in visita anche l’arcivescovo: ”Strutture volutamente imperfette"

Il cardinale Francesco Montenegro: "La struttura è grande, gli ospiti sono più del previsto, il numero del personale non è sufficiente e questo crea delle discrepanze, delle rotture, delle difficoltà che sono evidenti"

 

Tre giorni dopo la visita del governatore della Regione, Nello Musumeci, anche l’arcivescovo di Agrigento, il cardinale Francesco Montenegro, si è recato nella casa circondariale “Pasquale Di Lorenzo”. Al pastore della chiesa agrigentina, il personale dell’istituto e alcuni detenuti hanno riferito dei tanti problemi che affliggono la casa circondariale di contrada Petrusa.

Carcere Petrusa, Musumeci dopo la visita: "Mi vergogno di questo istituto"

"Violenze a carico dei detenuti del Petrusa", la Procura ha aperto un'inchiesta

“Dovremmo imparare a vedere il carcere – ha detto don Franco ai microfoni di AgrigentoNotizie – come parte integrante della città”. Sui disagi patiti da detenuti e personale, l’arcivescovo ha detto: "La struttura è grande, gli ospiti sono più del previsto, il numero del personale non è sufficiente e questo crea delle discrepanze, delle rotture, delle difficoltà che sono evidenti, ma la colpa di chi è? – si interroga l’arcivescovo – . Purtroppo queste strutture – ha aggiunto don Franco – non le vogliamo perfette perché mancano gli ingredienti per renderle tali e credo che il lavoro degli operatori del carcere è quello di ridare dignità a chi è qui. Il carcere dovrebbe aiutare a ritrovare se stessi ma – ha concluso il cardinale - purtroppo non sempre è in grado di poterlo fare”.

Abusi al carcere Di Lorenzo? Musumeci scrive al ministro della Giustizia

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento