Crack milionario dei supermercati, consulente in aula: "Impossibile sanare i debiti"

Il commercialista Fabrizio Lo Jacono: "Burgio mi chiede di varare un piano ma era un'impresa ardua"

Giuseppe Burgio il giorno dell'arresto

“Sono stato contattato dall’imprenditore Giuseppe Burgio perché voleva che varassi un piano di asseveramento dei debiti, avviai le operazioni contattando banche e fornitori ma ben presto mi resi conto che il buco era troppo grosso per riuscire a portare a termine favorevolmente il mio mandato”.

Il commercialista Fabrizio Lo Jacono ha ricostruito così, ieri mattina, il quadro delle aziende del gruppo Burgio che operavano nel settore della distribuzione alimentare. Il processo, che ipotizza a carico del cinquantaquattrenne uomo d’affari empedoclino, in carcere da quasi un anno e mezzo con l’accusa di bancarotta fraudolenta, è arrivato quasi al giro di boa. Resta solo da sentire l’ultimo teste della lista dei pubblici ministeri Simona Faga e Alessandra Russo. Lo Jacono, ieri mattina, per circa due ore (prima di lui è stata ascoltata una dirigente di Unicredit che ha ricostruito alcuni dettagli dei rapporti finanziari fra le imprese e la banca), ha rivelato le dinamiche economiche delle aziende del gruppo che operavano nel settore della distribuzione alimentare. 

“Nel 2010, quando alcune imprese del gruppo erano già in una situazione prossima al fallimento, sono stato contattato da Burgio che mi ha chiesto di elaborare un piano di asseveramento dei debiti delle imprese. In realtà – ha aggiunto il professionista – non sono stato mai messo nelle condizioni di farlo e la situazione che mi era stata prospettata prima che iniziasse il mio mandato era del tutto diversa da quella che mi trovai realmente davanti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo Jacono aggiunge: “Mi fu detto che sarebbe stato sufficiente rivisitare i debiti e definire un piano di risanamento. In realtà, esaminando bene il quadro economico delle imprese del gruppo mi resi conto che c’era un’esposizione debitoria con i fornitori e con le banche che era davvero complicato tamponare”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Sono in arrivo forti temporali: diramata l'allerta meteo "gialla"

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Palma sotto choc per la morte di Marchese, il sindaco: "Siamo sgomenti per il brutale omicidio"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento