Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus e controlli dei vigili urbani, i sindaci di Licata e Naro scrivono a Mattarella

La protesta: "Solo alla polizia locale non viene riconosciuto il competente trattamento economico di ordine pubblico"

 

Schierati sul campo, in prima linea. Ma discriminati. Si tratta degli agenti della polizia municipale, anche loro impegnati a cercare di fare rispettare il decreto della presidenza del Consiglio dei ministri per contenere i contagi da Coronavirus. Polizia locale che, però, si sente discriminata dallo Stato. E i sindaci di Licata e Naro, rispettivamente Pino Galanti e Maria Grazia Brandara, elogiando il lavoro svolto dai rispettivi comandi di polizia locale, hanno chiesto che venga riconosciuto loro parità di trattamento con le altre forze dell'ordine.

Troppi agrigentini a zonzo per la città: scatta il rastrellamento anti-Coronavirus dei carabinieri

I sindaci Galanti e Brandara hanno scritto al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella; al premier, Giuseppe Conte e al ministro dell’Interno, Luciana La Morgese. ”Già prima dell'ordinanza del questore, la polizia municipale ha attivato e mantenuto servizi esterni anche notturni per scoraggiare la circolazione ingiustificata delle persone - ha scritto il sindaco di Licata Pino Galanti - . In questo contesto, non poteva non essere rilevato che alla polizia municipale sono state impartite le medesime direttive di polizia, carabinieri, Guardia di finanza. Ma solo alla polizia locale non viene riconosciuto il competente trattamento economico di ordine pubblico, secondo le vigenti normative". A fare sua la lettera di Galanti è stato il sindaco di Naro, Maria Grazia Brandara. "Ancora una volta, la polizia locale si sente discriminata dallo Stato a cui sentono di appartenere - ha scritto Brandara - che da sempre servono con la stessa dignità degli altri corpi di polizia d’Italia".

In giro per strada per comprare farina, cellulare e pure una casa: denunciato anche il titolare di un bar
In giro per strada per comprare farina, cellulare e pure una casa: denunciato anche il titolare di un bar

"Se è vero come è vero - ha scritto il sindaco Galanti - che un contatto con una persona infetta potrebbe avere conseguenze gravissime, se non letali, non appare ragionevole che, almeno in questa occasione, alla polizia locale (che a Licata è coordinata dal comandante Giovanna Incorvaia), tanto esposta quanto altri operatori di polizia a tale rischio, non vengano estese tutte le garanzie e le previdenze previste per gli altri organi di polizia". 
 

Potrebbe interessarti: http://www.agrigentonotizie.it/cronaca/agrigento-controlli-coronavirus-denunce-titolare-bar-sciacca.htmlNon vi è alcun dubbio – scrive ancora il sindaco Brandara – che in questo terribile momento di prova per la nazione, i soggetti più esposti siano il personale sanitario ed il personale di polizia. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento