Coronavirus e Mandorlo annullato, il prefetto: "Prioritario l'interesse della salute pubblica"

Dalla direzione sanitaria dell'Asp: "Abbiamo i kit e tutto quello che serve per fronteggiare, vengono fatti anche i tamponi rinofaringeo che vengono poi inviati a Palermo"

Il prefetto Dario Caputo

“Davanti all’interesse della salute pubblica degli agrigentini e degli italiani tutti, qualsiasi altro interesse non può che venir meno. Dal canto nostro resteremo a stretto contatto con l’Asp per valutare sistematicamente tutte le evoluzioni. Non è certamente allarmismo, ma è tempo di prudenza!”. Lo ha detto, ieri sera, a margine del vertice svoltosi in Prefettura, il prefetto di Agrigento Dario Caputo. 

Paura per il Coronavirus, salta l'edizione 2020 del Mandorlo in fiore 

Ragionevolmente – anche di questo s’è discusso nella riunione che c’è stata fino a sera fra prefetto, sindaco di Agrigento, vertici dell’Asp e di ospedale e delle forze dell’ordine – i contagi potrebbero arrivare anche al Centro Sud. E nel giro di poco tempo. Il Mandorlo in fiore è stato ritenuto un tipo di manifestazione che può essere veicolo di contagio e di diffusione del virus. Dovevano arrivare – complessivamente erano attese 1.100 persone – delegazioni internazionali asiatiche, dal Sud America e da tutta Europa. “Non ci sono casi sospetti. Siamo e resteremo a stretto contatto con l’Asp per tutte le evoluzioni, ma il Mandorlo in fiore è quell’evento che attira e aggrega gente da ogni parte della Sicilia, dell'Italia e dal mondo” – ha aggiunto il prefetto Caputo - .

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

“Nessuno potrebbe mai sapere se fra i partecipanti al festival o fra i visitatori, che arrivano da ogni parte del mondo, possa esservi un paziente ‘zero’ o una persona già contagiata – hanno spiegato dalla direzione sanitaria dell’Asp e dall’omologa direzione del ‘San Giovanni di Dio’ - . Abbiamo i kit e tutto quello che serve per fronteggiare qualche caso di Coronavirus, così come vengono fatti i tamponi rinofaringeo che vengono poi inviati a Palermo. Anche se non c’è il reparto di Malattie infettive, l’Asp è attrezzata per fronteggiare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • Tornano a casa e la trovano occupata: scoppia il caos a Villaseta

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento