"Guerra" ai ladri e allo spaccio di droga, sequestri e segnalazioni

I carabinieri hanno "pizzicato" anche alcuni automobilisti che guidavano mentre parlavano al telefono cellulare, altri sono stati sanzionati per manovre pericolose

Occhio vigile su San Leone. E non soltanto per reprimere il fenomeno dell'abusivismo commerciale lungo il viale Falcone-Borsellino e la terrazza a mare, ma anche per prevenire le "visite" dei topi d'appartamento e per frenare lo spaccio e il consumo di sostanze stupefacenti. I carabinieri di Agrigento, durante tutto il week end, hanno passato al setaccio proprio il rione balneare di Agrigento. Numerosi i posti di blocco realizzati che hanno cinturato tutto il litorale.

Nei due giorni di attività sono stati passati al vaglio delle banche dati un centinaio di persone, in alcuni casi soggetti noti alle forze dell’ordine e una cinquantina di veicoli, su cui sono state svolte perquisizioni e controlli ai sensi del codice della strada. Non è mancato il presidio sul lungomare con il risultato di scongiurare completamente la presenza di venditori abusivi di merce contraffatta e di parcheggiatori abusivi.

Non sono mancati, inoltre, i rinvenimenti di dosi di stupefacente per uso personale, con la conseguente segnalazione all’autorità prefettizia. Particolare attenzione infine è stata riservata alla sicurezza stradale e per alcuni automobilisti sono scattate delle sanzioni ammnistrative - per un totale di circa 1.500 euro - per uso del telefono cellulare e per guida pericolosa. I controlli proseguiranno in città anche nei prossimi giorni.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Nessuna corruzione, quelle palme furono un regalo": D'Orsi davanti ai giudici

  • Cronaca

    "Pressioni su dirigente per salvare immobile abusivo di una parente", chiesto rinvio a giudizio del sindaco

  • Cronaca

    "Cocaina nascosta nei contatori elettrici", operaio patteggia

  • Cronaca

    Il Belice dimenticato, Valenti a Montecitorio: "Cinquantuno anni dopo, è una vergogna nazionale"

I più letti della settimana

  • "Minacce ai miei dipendenti? Erano raccomandati e hanno avuto privilegi": la verità in aula di Moncada

  • Si getta in mare per farla finita, 60enne salvata in extremis dai carabinieri

  • Ancora neve sulle strade dell'Agrigentino, burrasche e rallentamenti

  • Claudio Baglioni "figlio" di Lampedusa nella bufera, Martello: "Merita rispetto"

  • "Sì, li ho uccisi io insieme ai miei cognati": 3 arresti, uno anche a Cammarata

  • Rocambolesco inseguimento, bloccata un'auto: a bordo balordi dell'Agrigentino

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento