Guidano ad elevata velocità, parlando al cellulare e senza cintura: è allarme

I controlli della polizia Stradale dell'ultima settimana hanno "disegnato" un inquietante identikit dell'automobilista agrigentino. Raffica di contravvenzioni

Il vice questore aggiunto Andrea Morreale

Guidano senza rispettare il limite di velocità, senza cintura di sicurezza allacciata, parlando al telefono cellulare e magari anche senza assicurazione e senza autovettura revisionata. 

E' allarmante il "quadro" che viene fuori dall'ultima settimana di controlli della polizia Stradale di Agrigento che è coordinata dal vice questore aggiunto Andrea Morreale. Gli automobilisti agrigentini, nonostante gli sforzi dei poliziotti per la prevenzione e repressione, continuano ad essere indisciplinati. 

Sono stati sei i conducenti di altrettante vetture "beccati" dal telelaser a superare il limite di velocità lungo la strada statale 115, fra il quartiere del Villaggio Mosè e Palma di Montechiaro. Ventisette, inoltre, erano senza le cinture di sicurezza allacciate e sei parlavano serenamente al cellulare.

Complessivamente sono state 210 le infrazioni totali elevate. Di queste 11 per mancanza di assicurazione all'autovettura e 15 perché il mezzo non era revisionato. Sei patenti e nove carte di circolazione sono state ritirate. Ben 246, invece, i punti decurtati.

In totale sono stati 300 i conducenti controllati con etilometro o precursore. Ben 27, invece, gli automobilisti aiutati. 

Questa è invece la settimana dei controlli mirati alle cinture di sicurezza.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • L'omicidio di Furci Siculo, l'assassino di Lorena ai carabinieri: "Non so perché l'ho fatto"

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento