Prodotti ittici e caseari mal conservati e un topo morto in cucina, chiuso ristorante

Il controllo del Nas e dei carabinieri della tenenza è stato indirizzato a verificare il rispetto delle normative relative all’igiene e alla salute

Un topo morto trovato dai carabinieri

Prodotti ittici e caseari mal conservati, alimenti carenti della necessaria tracciabilità e persino un topo morto presente nelle cucine, in bella vista. Un ristoratore di Favara è stato costretto a chiudere - dopo il controllo del Nas e dei carabinieri della tenenza di Favara - i battenti del proprio locale.

VIDEO - Blitz del Nas in un ristorante

Non si ferma l’attenzione, da parte dei militari dell’Arma, volta al rispetto delle normative relative all’igiene e alla salute. Gli accertamenti svolti dai carabinieri del Nas hanno consentito di sequestrare, circa 550 chili tra carne, vino, olio, prodotti ittici e caseari, tutti scaduti, in cattivo stato di conservazione, oppure dalla provenienza incerta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri hanno, inoltre, fatto intervenire il personale sanitario ispettivo dell’Asp di Agrigento, che ha contestualmente emesso un provvedimento di sospensione dell’attività produttiva, elevando sanzioni amministrative per un totale di circa 10.000 euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • L'omicidio di Furci Siculo, l'assassino di Lorena ai carabinieri: "Non so perché l'ho fatto"

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento