Contrasto del "caporalato", scatta l'operazione "Alto impatto": sospese due attività

E' stata accertata l’inosservanza delle norme contributivo-previdenziali e di sicurezza sui luoghi di lavoro, nonché, in alcuni casi, dell’illecita attività di intermediazione tra la domanda e l’offerta, compiuta dai cosiddetti “caporali” 

L'ingresso della Questura di Agrigento

Settanta persone e 12 aziende controllate. Sanzioni amministrative per 69 mila euro e due sospensioni di attività. E' l'esito, su Agrigento, dell'operazione di contrasto al fenomeno del caporalato - operazione denominata "Alto impatto-Freedom" - realizzata dalla Squadra Mobile della Questura di Agrigento.

Un'operazione - coordinata dal servizio centrale operativo della direzione centrale Anticrimine - che ha riguardato però anche Forlì-Cesena, Latina, Lecce, Matera, Ragusa, Salerno, Siracusa, Taranto, Verona e Vibo Valentia. 

I poliziotti della Squadra Mobile sono stati coadiuvati dai reparti Prevenzione crimine e gabinetti regionali di polizia Scientifica, nonché uffici di altre amministrazioni, come gli Ispettorati territoriali del lavoro.

Nel corso dell’operazione è stata accertata l’inosservanza delle norme contributivo-previdenziali e di sicurezza sui luoghi di lavoro, nonché, in alcuni casi, dell’illecita attività di intermediazione tra la domanda e l’offerta, compiuta dai cosiddetti “caporali”. 

Rispetto alla prima fase del progetto, avvenuta dal 26 al 30 giugno, è stato ampliato il numero delle province (da 6 a 11) e delle regioni monitorate (da 6 a 8). Tra il 17 ed il 22 luglio sono stati svolti servizi di controllo, rilevamento e contrasto, identificando complessivamente 632 persone (tra datori di lavoro e dipendenti) e controllando 50 aziende.

In provincia di Ragusa sono stati arrestati 3 italiani, responsabili di costrizioni nei confronti di alcuni braccianti retribuiti con 30 euro giornalieri, a fronte di un impiego in turni di circa 12 ore. Altri 9 individui, sempre nel Ragusano, sono stati deferiti per lo stesso reato. In provincia di Latina sono stati arrestati 3 italiani, sempre per sfruttamento di manodopera: in questo caso i braccianti venivano costretti a vivere all’interno di container metallici in condizioni igieniche precarie. In provincia di Matera sono stati denunciati 3 individui e comminate sanzioni per 14.000 euro.

Nelle province di Agrigento e Verona sono state infine sospese rispettivamente 2 ed una attività e sono state elevate contravvenzioni per 69.000 e 25.000 euro.

Complessivamente sono stati rilevati i seguenti dati: AGRIGENTO: 70 persone e 12 aziende controllate, sanzioni amministrative per 69.000 euro e 2 sospensioni di attività; FORLÌ CESENA: 11 persone e una azienda controllata; LATINA: 53 persone e 4 aziende controllate, 3 arrestati (caporalato); LECCE: 31 persone e 2 aziende controllate; MATERA: 45 persone e 6 aziende controllate, 3 denunciati (caporalato), 1 arrestato (1 lavoratore con un provvedimento restrittivo pendente), sanzioni per 14.000 euro; RAGUSA: 124 persone e 12 aziende controllate, 3 arrestati e 9 deferiti (caporalato); SIRACUSA: 12 persone e 3 aziende controllate; SALERNO: 23 persone e 5 aziende controllate; TARANTO: 238 persone e 3 aziende controllate; VERONA: 14 persone ed 1 azienda controllata, 1 sospensione di attività, 1 deferimento per impiego di irregolari e sanzioni per 25.000 euro; VIBO VALENTIA: 11 persone e 1 azienda controllata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Considerata anche la prima fase, in totale sono state controllate 867 persone e 76 aziende. Quattro, invece, le attività sono state sospese. Sono state arrestate inoltre 10 persone e ne sono state denunciate 24. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Sono in arrivo forti temporali: diramata l'allerta meteo "gialla"

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Palma sotto choc per la morte di Marchese, il sindaco: "Siamo sgomenti per il brutale omicidio"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento