La proposta di Confesercenti: "Girgenti diventi centro commerciale naturale 2.0"

Un appello alla valorizzazione del centro storico è arrivato dal presidente Vittorio Messina, nel corso dell'assemblea di zona svoltasi in città

Il centro storico di Agrigento

Un appello alla valorizzazione del centro storico di Agrigento, è arrivato dal presidente di Confesercenti Sicilia Vittorio Messina, nel corso dell'assemblea di zona svoltasi in città, per il rinnovo della presidenza dell'Area centro meridionale della Sicilia.

Messina ha ribadito "lo sforzo di Confesercenti per rilanciare il commercio di prossimità, per consolidare l'offerta turistica e per garantire contenuti e servizi qualificati in modo da elevare tra gli associati  il livello di utilizzo degli strumenti più evoluti dal punto di vista tecnologico".

A proposito del centro storico del capoluogo, Messina ha sostenuto che "vada visto nel suo insieme, come patrimonio di cultura e di civiltà, come luogo della memoria e spazio per progettare il futuro, come centro urbano storicamente legato alla vita de gli agrigentini. È questo - secondo Messina - il vero progetto da realizzare non solo per la città, ma con la città per costruire una cornice comune all’interno della quale promuovere iniziative, manifestazioni e nuove strategie per sostenere il commercio del centro".

Secondo Messina, il centro storico di Agrigento per competere con i nuovi luoghi del commercio deve proporsi come "centro commerciale naturale, quale storicamente è stato, ed assumere un’identità precisa recuperando il suo ruolo di centro pulsante di una comunità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questa direzione Confesercenti lancerà a breve il progetto del Centro commerciale naturale 2.0. "Si sono perse in passato le occasioni giuste per salvaguardare i negozi tipici della parte antica della città di Agrigento - ha aggiunto Messina - . Quando è stato il momento giusto la politica è stata ferma. Oggi dobbiamo quindi pensare che un cambiamento della città è inevitabile e occorre ricreare le condizioni di base perché gli imprenditori agrigentini rimangano e i nuovi puntino sulla qualità. Insieme al rilancio della residenza e dell’accessibilità centrale deve essere centrale una politica di 'qualità' del centro: dal decoro urbano alla pulizia delle nostra strade, dai muri, alle piazze, alle scalinate. E poi se si vogliono sostenere le imprese si deve incidere sui costi. Su questo tra tariffe rifiuti e suolo pubblico, tra imposte e canoni vari il Comune deve fare molto per aiutare le imprese, non anche ma soprattutto in momenti di crisi economica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento