Agrigento: Condannato a 16 anni per l'omicidio del padre

La pena ha subito la riduzione di un terzo per effetto del rito abbreviato

Agrigento: Condannato a 16 anni per l'omicidio del padre
Constantino Gennaro, il 25enne agrigentino che due anni fa uccise il padre adottivo a coltellate nella loro abitazione di Villaggio Mosè, è stato condannato in primo grado alla pena di 16 anni di reclusione. La pena ha subito la riduzione di un terzo per effetto del rito abbreviato. La perizia psichiatrica disposta dal Gup aveva escluso che il ragazzo avesse patologie psichiatriche e potesse beneficiare dell'assoluzione.

L'omicidio avvenne l'8 novembre del 2009 quando, a seguito di una lite tra padre e figlio, il ragazzo impugnò un grosso coltello e colpì ripetutamente il genitore; poi chiamò i carabinieri confessando l'accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • Traffico di cocaina dalla Calabria all'Agrigentino: tredici condanne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • "Dopo la scarcerazione ha mantenuto condotta di vita nella legalità", tolta la libertà vigilata a Ribisi

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento