Agrigento, giudice di pace: nuova condanna per Girgenti acque

«Ancora una volta Girgenti Acque viene condannata. E’ il giudice di pace di Aragona, Gaetano Cacciatore, questa volta ad emettere l’ennesima sentenza a carico del gestore del servizio idrico che, a questo punto, sembra aver completatol’iride virtuale degli illeciti a danno degli utenti». Lo dice in una nota l'avvocato Concetta Ausilia Eccelso, legale della parte che ha ottenuto la sentenza di condanna

«Ancora una volta Girgenti Acque viene condannata. E’ il giudice di pace di Aragona, Gaetano Cacciatore, questa volta ad emettere l’ennesima sentenza a carico del gestore del servizio idrico che, a questo punto, sembra aver completatol’iride virtuale degli illeciti a danno degli utenti».

Lo dice in una nota l'avvocato Concetta Ausilia Eccelso, legale della parte che ha ottenuto la sentenza di condanna.

«Dopo esser stato condannato per le tariffe applicate illegittimamente, dopo essere stato condannato per aver sostituito contatori senza la presenza o la conoscenza dell’utente, dopo esser stato condannato per aver richiesto canoni di depurazione in zone non servite dal servizio ecco che, e nuovamente, arriva una duplice condanna a riguardo un'altra volta i canoni di depurazione richiesti illegittimamente - considerato che i cosiddetti “pennelli a mare” non possono in alcun modo definirsi impianto di depurazione (alibi utilizzato dal gestore per richiedere il pagamento dello stesso servizio) - e a riguardo all’installazione di un impianto di conteggio dei metri cubi di acqua consumati (contatore più sfiato) difettoso che girando a vuoto faceva letteralmente pagare l’aria all’utente - scrive l'avvocato Eccelso -. Duole constatare che gli utenti sono costretti ad agire in giudizio per non dover sopportare di dover sottostare passivamente ai continui abusi perpetrati dal gestore del servizio che si fa sempre sordo alle segnalazioni fatte dagli utenti presso gli sportelli o anche ufficialmente. Ed appare ancor più incredibile come gli enti preposti al controllo ed alla tutela non si siano mossi per mettere fine a questo scempio etico ed anche economico che tanto danno sta facendo agli agrigentini. Si spera che, a questo punto, chi di dovere inizi a prendere provvedimenti ove si dovessero ravvisare delle inadempienze contrattuali da parte del gestore - come sembra assai probabile - non dimenticando che i cittadini sono la controparte di questo contratto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: una persona in ospedale

  • "Testate all'ex fidanzata per farla abortire", ventunenne rinviato a giudizio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento