Lo "Street food" è realtà, adesso il Comune vuole "eliminare" le giostre per bambini

Il sindaco: "Abbiamo già formalizzato al Demanio, alla presenza del prefetto Dario Caputo, che in quell’area non dovranno più essere autorizzati"

Non tutti i problemi sono stati risolti. San Leone ha adesso però, e questo è indubbio, un aspetto più ordinato. Ad effettuare un sopralluogo mirato è stato, nella tardata serata di sabato, il sindaco di Agrigento Lillo Firetto. Piazzale Caratozzolo, dopo 36 anni, è tornato ad essere un normalissimo parcheggio per auto, mentre nel piazzale dell’ex eliporto è nata, ed è super frequentata, l’area “Street food”. 

Perché – dopo 14 mesi di tavoli in Prefettura, trattative, proteste e lagnanze da parte degli operatori commerciali che si occupano della rivendita di panini e bibite – tutti i “paninari” sono stati spostati proprio in quell’area: nell’ex eliporto. Ma non è finita. Perché a maggio prossimo scade la concessione per le giostre dei bambini. “Abbiamo già formalizzato al Demanio, alla presenza del prefetto Dario Caputo, che in quell’area non dovranno più essere autorizzati – ha spiegato, ieri, il sindaco di Agrigento: Lillo Firetto - . Dal lungomare Falcone-Borsellino si vede il porticciolo turistico e, passarvi, gettando l’occhio all’orizzonte, fa vedere uno splendido, decoroso, scenario. Siamo riusciti a raggiungere quello che veramente appariva un obiettivo impossibile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Adesso, e c’è ancora qualche mese di tempo per riuscire a pianificare tutto, è necessario – secondo l’attuale amministrazione comunale - compiere un secondo passo: trovare la giusta location dove consentire la collocazione delle giostre per i bambini. A maggio scade, infatti, la concessione del Demanio sempre a piazzale Caratozzolo. L’amministrazione ha già formalizzato, davanti al prefetto di Agrigento, la richiesta che non venga rinnovata

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Covid-19, il "mostro" è ancora in agguato: quattro positivi all'ospedale San Giacomo

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento