Tributo a Jean-Marc Bodart, intitolata una sala mostre del Filippini

Si tratta del marciatore belga che è morto durante una sfilata dell'ultimo "Mandorlo in fiore"

La sala mostre del secondo piano dell'ex collegio dei padri Filippini d'ora in avanti avrà un nome: quello del marciatore belga Jean-Marc Bodart. Ad intitolare la sala - alla presenza di una delegazione di familiari e amici, tra cui la sorella, i due figli e la nipote di Jean Marc, nonchè alcuni componenti del gruppo folcloristico "Entre-Sambre-et-Meuse" che erano presenti ad Agrigento la sera dell'8 marzo scorso quando il loro compagno, colto da malore, si accasciò al suolo - è stato il Comune.

LE VIDEOINTERVISTE. Firetto: "Il suo nome legato alla fratellanza"

La figura del marciatore è stata ricordata con la proiezione di un video. Alla cerimonia di stamani erano presenti il sindaco Lillo Firetto e l'assessore Nello Hamel che hanno ringraziato la delegazione arrivata appositamente dalla cittadina di Florennes in Belgio, località d'origine del marciatore. All'incontro era presente il direttore del Parco archeologico e paesaggistico Valle dei Templi, Giuseppe Parello, ente che ha organizzato l'edizione del "Mandorlo in fiore".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al celibato o convivenze di fatto con anziani: ecco come venivano "utilizzate" le prostitute

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • "Procacciavano i clienti e incassavano fino al 50% per ogni prestazione": i retroscena del blitz antiprostituzione

  • Furti di luce e acqua, scatta il blitz in due palazzine: 24 arresti in un colpo solo

  • "Favori e assunzioni in cambio di informazioni riservate": indagati tre marescialli e due imprenditori

  • Scoppia la lite fra due teenager: una ferita, l'altra denunciata

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento