Pista di pattinaggio a San Leone, c'è l'ordinanza: accesso vietato

Lo ha deciso il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, firmando un provvedimento che rende inaccessibile l'area per motivi di sicurezza

Chiusa la pista di pattinaggio (foto: Mareamico Agrigento)

Vietato l’accesso alla pista di pattinaggio sul lungomare Falcone-Borsellino, a San Leone. Lo ha deciso il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, firmando un’ordinanza che, di fatto, rende inaccessibile l’area “fino al ripristino delle condizioni di sicurezza”.

LEGGI ANCHE: LA DENUNCIA DI MAREAMICO

Il provvedimento è arrivato dopo le denunce dell’associazione Mareamico Agrigento, di cittadini e consiglieri comunali, che lamentavano la mancanza di corrimano, i supporti privi di difesa e la delimitazione mancante in più parti. Poco più di mese fa, inoltre, una ragazzina era rimasta ferita, riportando diversi punti di sutura.

Il sindaco, adesso, ha chiesto di attivare “ogni operazione necessaria per assicurare la tutela della pubblica incolumità”, ordinando al settore Infrastrutture, "la delimitazione dell’intera area con idonea recinzione di cantiere, che ne garantisca l’inaccessibilità al pubblico”.

“Non abbiamo nessun progetto specifico per ripristinare e recuperare questa pista di pattinaggio – aveva dichiarato il sindaco qualche settimana fa - . Il bilancio del Comune non ha i soldi necessari per procedere, non ci sono bandi ai quali partecipare per ottenere finanziamenti e si tratta di strutture che non possono essere affidati a terzi".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, derubato un corriere: portati via pacchi e soldi

  • Il Giro d'Italia torna nell'Agrigentino, la "corsa rosa" fa tappa in Sicilia

  • Mafia e droga, la maxi inchiesta "Kerkent": tre indagati chiedono di parlare col pm

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento