Centro storico blindato per Dolce e Gabbana, coppia di sposi fa causa

Avevano prenotato una chiesa nel centro storico per le nozze, ma a marzo tutto è stato annullato per organizzare l'evento di alta moda

Mentre Sciacca si prepara ad ospitare la sfilata di alta moda uomo, la serata "magica" della città delle Terme potrebbe avere degli strascichi giudiziari.

A raccontarlo è il quotidiano La Sicilia in edicola oggi. I fatti risalgono al 2017, quando una coppia saccense (lui imprenditore, lei medico) fissarono la data delle proprie nozze e "prenotarono" la Basilica della Madonna del Soccorso per oggi, il 6 luglio 2019. La doccia gelata arrivò nel marzo scorso, quando il parroco chiamò la coppia per comunicare che la chiesa, insieme ad altre, sarebbe stata inutilizzabile a causa della sfilata di Dolce e Gabbana che, per le attività di accoglienza dei propri ospiti, ha chiesto l'uso di alcune chiese cittadine del centro storico. Inutili i tentativi da parte dei due di ottenere comunque la struttura, anche proponendo di anticipare la cerimonia.

Così gli sposi hanno deciso di rivolgersi al tribunale citando in giudizio Comune, Diocesi e la società organizzatrice, la "Feelrouge".

Potrebbe interessarti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Come organizzare la grigliata perfetta. Ecco cosa serve per una serata attorno alla brace

  • La birra come prodotto di bellezza

  • Nuotare fa bene a corpo, mente e anima

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • Muore vecchio boss di Palma, il questore dispone: niente funerali

  • "Una collega mi disse che ero stata puntata, così iniziò il mio incubo": donna accusa direttore di stalking

  • Camilleri sepolto nella sua Porto Empedocle? Ecco il retroscena

  • "Rapina e violenta moglie dell'amico dopo avere trascorso il Capodanno insieme", condannato 27enne

  • "Mi ha minacciata e violentata": donna denuncia bracciante agricolo

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento