La chiesa di Lampedusa: "Aprite i porti e lasciate accogliere chi ha grande bisogno di aiuto"

La parrocchia di San Gerlando: "La nostra coscienza non può in alcun modo accettare e ritenere giusta nessuna legge che vada contro i nostri principi. Non crediamo di poter considerare legittima nessuna autorità politica, nessun suo pronunciamento che ci porti a mettere in discussione i fondamenti della nostra vita di cittadini e cristiani"

Da decenni è terra di frontiera. Terra "abituata" a salvare, ad accogliere, a dare una mano d'aiuto al prossimo: di qualunque colore sia la sua pelle. Nel giorno dell'Epifania, la comunità ecclesiale di Lampedusa - don Carmelo La Magra, sacerdote della parrocchia di San Gerlando, in testa - richiamando tutti a comportarsi "da cittadini degni del Vangelo", ha lanciato un accorato appello: "Chiediamo al governo italiano di aprire i porti e di permettere alla società civile di poter accogliere senza alcuna resistenza quanti richiedono il nostro aiuto. Invitiamo tutti i fedeli cattolici e cristiani di ogni confessione ad unirsi a noi in questa richiesta. Preghiamo le comunità ecclesiali di non trincerarsi dietro paure e resistenza ma di mettere in pratica il Vangelo con coraggio e gratuità. Desideriamo essere presepe vivente, povero e umile, ma aperto e accogliente per ogni 'Cristo' che ci sarà dato di incontrare".

Martello: "Il porto è aperto, Lampedusa non esiste per Salvini"

"Come cristiani e cittadini, in questo tempo che richiede una testimonianza efficace, siamo chiamati dagli eventi della storia ad essere protagonisti, e non spettatori, delle vicende politiche del nostro Paese - sostiene la comunità ecclesiale di quella che è la 'porta' d'Europa: Lampedusa - . Ci sentiamo interpellati dalla Provvidenza che ci ha voluto comunità di periferia nel mare Mediterraneo destinata a condividere la sorte di uomini e donne che, a diverso titolo, mettono piede sulla nostra isola di Lampedusa. Siamo continuamente spronati dal magistero del santo Padre e del nostro vescovo a prendere in seria considerazione i segni dei tempi che scorgiamo all'orizzonte e a viverli come opportunità e non come problema".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Lega: "Le parole di Martello sono una richiesta d'aiuto"

E' stato dunque affrontato il tema del decreto sicurezza ma anche del cristianesimo nella parrocchia San Gerlando di Lampedusa: "È in grave errore chi ritiene di poter ridurre il cristianesimo alla mera ostensione, o ostentazione, di simboli. Noi teniamo in mano il Vangelo ma, soprattutto, lo teniamo nel cuore e nella mente come lampada che illumina i passi della vita personale e sociale, come bussola di relazioni autentiche con il prossimo - sostiene don Carmelo La Magra e la comunità ecclesiale di Lampedusa - . Non possiamo accettare chi cerca di ridurre la fede cristiana ad un semplice fatto culturale, un cumulo di tradizioni e usanze che hanno bisogno della nostra custodia per evitare l’estinzione. Noi sappiamo che la nostra fede consiste in una relazione reale e viva con il Signore risorto, noi lo incontriamo e riconosciamo presente nella vita della sua chiesa, nei sacramenti della grazia, nella sua parola vissuta e in ognuno dei 'suoi fratelli più piccoli', esclusi, sofferenti e stranieri. Da buoni cittadini vogliamo essere rispettosi dei valori universali e dei diritti umani, come sancito dalla nostra Costituzione, garantiti ad ogni essere umano. Rifiutiamo la logica di chi, procurando esclusivamente conflitti tra poveri, vorrebbe far passare per giustizia la prevaricazione e per sicurezza il peggiore dei nazionalismi". 

"Noi sappiamo che 'Dio non fa preferenze di persone, ma chi lo teme e pratica la giustizia, a qualunque popolo appartenga, è a lui accetto'. La nostra coscienza, pertanto, non può in alcun modo accettare e ritenere giusta nessuna legge che vada contro questi principi. Non crediamo di poter considerare legittima nessuna autorità politica, nessun suo pronunciamento che ci porti a mettere in discussione tali fondamenti della nostra vita di cittadini e cristiani. Assistiamo ormai da quindici giorni al vergognoso trattenimento in mare di 49 persone, uomini, donne e bambini a bordo della 'SeaWatch3' e della 'SeaEye', che hanno la sola colpa di sperare e sognare il futuro. È inaccettabile, da ogni punto di vista, che qualsiasi dibattito politico venga fatto sulla pelle di persone fragili, ferite e disarmate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento