"Pizzo sulla busta paga dei dipendenti", giudizio abbreviato per direttore supermercato

Calogero Muratore, 59 anni, legale rappresentante della società Dolciaria Srl, è accusato di estorsione

Costretti a restituire in contanti parte dello stipendio e del trattamento di fine rapporto. Il classico sistema del “cavallo di ritorno” nei confronti dei dipendenti che, peraltro, sarebbero stati obbligati, con la minaccia del licenziamento, ad accettare condizioni lavorative ed economiche ampiamente al di sotto di quanto previsto dal contratto. Calogero Muratore, 59 anni, legale rappresentante della società Dolciaria Srl e, di fatto, responsabile del supermercato Eurospin, accusato di estorsione, chiede il giudizio abbreviato. Muratore è stato denunciato da un dipendente, che si è costituito parte civile con l’assistenza dell’avvocato Diego Giarratana. Muratore, difeso dagli avvocati Salvino Iannello e Antonino Reina, in particolare, avrebbe costretto almeno sei dipendenti “ad accettare condizioni lavorative deteriori rispetto a quelle previste dal contratto”.

L’imprenditore li avrebbe costretti a prolungare l’orario di lavoro giornaliero e rinunciare a giorno di riposo settimanale, ferie, tredicesima e quattordicesima. Dopo la richiesta di giudizio abbreviato, il gup Francesco Provenzano ha rinviato il processo al 17 ottobre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento