"Subì violenze sessuali dallo zio", sedicenne in tribunale racconta l'orrore

L’imputato ha chiesto di essere sentito e ha ribaltato la versione accusatoria dicendo che si tratta di invenzioni e che non ha mai abusato della nipote

Una donna che ha subito violenza

Avrebbe subito violenze sessuali per cinque anni. La ragazzina, nemmeno sedicenne, ieri, ha confermato in aula di avere subito ripetutamente abusi da parte dello zio. "È vero, mio zio ha abusato di me per anni" - ha detto l'adolescente che è stata assistita da una psicologa - .

Subito dopo l’imputato ha chiesto di essere sentito e ha ribaltato la versione accusatoria dicendo che si tratta di invenzioni e che non ha mai abusato della nipote. Ad essere sotto processo è un romeno di 47 anni, residente a Cattolica Eraclea.

Anche il fratello della presunta vittima era stato ascoltato ed aveva detto: "Nel 2013 sono tornato dalla Romania e ho vissuto a casa con mia madre e mia sorella. Mio zio era un violento, picchiava anche mia madre che in una circostanza voleva denunciarlo. Mia sorella mi disse che era stata violentata da lui, aveva subito abusi in più circostanze". I legali del romeno, ieri, hanno fatto notare che le dichiarazioni della ragazza sono troppo generiche e impediscono persino una difesa visto che non indica neppure date e circostanze.

Al processo si è arrivati in pochi mesi e senza neppure il filtro dell’udienza preliminare: il gip Stefano Zammuto, meno di due mesi dopo il fermo, scattato il 2 febbraio dell’anno scorso, ha accolto la richiesta della Procura e ha disposto il giudizio immediato ritenendo che ci fossero i requisiti della cosiddetta “evidenza della prova”. Il fascicolo di inchiesta è stato coordinato dal sostituto procuratore Salvatore Vella. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • Secondo tampone positivo in meno di 24 ore a Ravanusa: è un focolaio diverso, per l'Asp gli infetti sono 85

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento