Ottantottenne accusato di usura, maresciallo in aula: "Ecco come l'abbiamo arrestato"

Liborio Riggi ha raccontato i dettagli dell'operazione: "Si è fatto consegnare 600 euro in banca e li ha nascosti"

“Ci ha chiamati la direttrice della banca perché c’erano due clienti che stavano litigando. Uno aveva prelevato dei soldi davanti a un altro e discutevano animatamente. Abbiamo capito che c’era qualcosa che non quadrava e, nel giro di poco più di un’ora, abbiamo avuto la conferma”.

Il maresciallo Liborio Riggi, comandante della stazione dei carabinieri di Cattolica Eraclea, ha ricostruito in aula i dettagli dell’operazione che il 5 dicembre del 2012 ha portato all’arresto di Giovanni Candura, 88 anni compiuti ieri, con l’accusa di usura. “Un signore sui 55 anni aveva prelevato dei soldi sforando il limite e voleva ancora denaro, la discussione era molto animata. I due colleghi che sono intervenuti - ha aggiunto il sottufficiale - si sono accorti che aveva consegnato il denaro a Candura e hanno deciso di controllarlo”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Candura è accusato di avere prestato dei soldi a un disoccupato che aveva problemi economici con un tasso di interesse del 40 per cento. I soldi, come accertarono i carabinieri poco dopo, li aveva nascosti nel calzino. La direttrice della banca si accorse dell’anomalia, anche perché i due stavano discutendo animatamente e avvisò i carabinieri. “Abbiamo chiesto i documenti all’uomo e abbiamo deciso di perquisirlo, - ha aggiunto il maresciallo Riggi rispondendo al pubblico ministero Emiliana Busto - simulò un malore dicendo che aveva urgenza di andare a casa per prendere delle medicine. I colleghi, da me incaricati, lo accompagnarono. Disse che voleva andare in bagno, a quel punto prese un coltello e minacciò i due carabinieri. Si decise, quindi, di bloccarlo e trasportarlo in caserma per gli accertamenti. Dalla perquisizione saltarono fuori i 600 euro che erano nascosti nel calzino destro". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento